POESIE - PUGLIA
La cambere de la vecchiaje
La filosofia della morte degli anziani.
Dialetto: Puglia

La cambere de la vecchiaje
Dè nnanze se passene la scjurnoite
na maigghie,na scaupe,na resoite.
Stamatèine ste chiantoite la banbire,
s'adoecchiene attoerne,sfoeglene i penzire.
Ce jè ca se no scioute,
sarà Mecoile,Francische o Dunoite,
chisse e trè stavene maloite.
- Naume,jè Colètte,avaive ottanta quatte anne -.
- Tenaive na bbèlle età,
ma nan jère vèchie assè
n'ate e quatt'anne putaive cambè -.
- Maine,miske i carte,ca mo soune mezzadèie,
luamele sti fatte de malencunèie -.


Traduzione in italiano

L'associazione pensionati
Lì davanti si passano la giornata
una maniglia,una scopa,una risata.
Stamattina è issata la bandiera,
si guardano in giro sfogliano i pensieri.
Chi è morto,sarà Michele,Francesco o Donato,
questi tre stavano malati.
-No,è Nicola,aveva ottanta quattro anni.-
-Aveva una bella età\ma non era vecchio assai
altri quattro anni poteva vivere.-Sbrigati,mischia le carte,che ora suona mezzogiorno,
togliamoli questi fatti melanconici.

Racconto inviato da: Peppino Lupo