POESIE - LAZIO
Nonno
Storia del nipote avaro che sogna il nonno morto e ha paura di ciò che potrebbe dire la gente del paese. Questa è una Poesia di Achille Pannunzi che scrive le sue opere in dialetto Sublacense, un dolcissimo paese in provincia di Roma, "Subiaco" che diede i Natali alla Gina Lollobrigida, al Campione del Mondo Ciccio Graziani, Ospitò per molti anni San Benedetto e Santa Scolastica e diede i Natali anche a me...Roberto, non così famoso come i precedenti ma molto più orgoglioso di esserci nato e cresciuto per molti anni.
Dialetto: Lazio

Nonno
Mò so' du notti, me fece nu sònno.
M'arésbiglià cunfusu còlla mente,
però me parve se trattasse e nonno.
Cusì pe' no' sta 'n mòcca a certa gente,
réntro de mine fece na promessa,
e fàreci cantà na messa.

Ju prete me guardà fissu pé pòco,
ténéa nu muccu 'ntintu de 'liastru,
co du lentaccie che faceanu fòco.
Me reguardà e isse: " E'sso ju pollastru !
Dunque'ssa Messa, achi ( tu m'ha da 'ntenne)
la tòcca a celebrà 'n forma solenne."

Se te lla icio a lume 'e moccolotto,
custa de meno, ma se'ò la corente
ha da cacciane più de ca' duppiotto,
e nno llo fa sapé mancu alla gente !
Se po' te scopro ju quadru de cà ssantu,
de bòcchi soto tanti, e senza piantu !
Lassa j-zì prè non ci stongo a scérne !
E' meglio ice du' requiaméterne !



Traduzione in italiano

Nonno
E' da due notti che faccio un sogno
che mi fa risvegliare con la mente confusa.
Però mi sembra si trattasse di mio nonno.
Così per non esser giudicato dalla gente
dentro di me feci una promessa:
Fargli cantare una Santa Messa.

Il prete mi fissò per un poco,
con una faccia tinta di Olivastro e
con due lenti che facevano fuoco.
Mi riguardò e disse " ecco il pollo !
Dunque questa Messa, a chi ( Capiscimi )
la dobbiamo celebrare in forma solenne."

Se te la dico a lume di candela, costa di meno,
ma se vuoi la corrente devi pagare più di qualche
Soldo e senza dirlo alla gente, se poi scopriamo
anche il quadro del Santo di soldi sono molti di più..!
Lasciamo stare - zi'prete - io neanche ci vedo.
E' meglio dire due Requiem aeterna…..!


Racconto inviato da: Achille Pannunzi