POESIE - LIGURIA
I sarvagenti sgonfi
Ricordo di Sestri Levante
Dialetto: Liguria

I sarvagenti sgonfi
Ti, te nûei in co i sarvagenti sgonfi
Mi, te dixeia de caciâli via.
O mâ du gorfo splendeja de luxe
e i bagnanti i criæju comme oxelli.
Ciù a o largo, di puntinn-i gianchi
l’ean de ochëte che se bançigheju
in sce onde carme de quëla estæ.
Poi, da lontan, ti t’æ visto arrivâ to poæ.
Ancon e ochëte se bançigheju a o sô,
ancon i gaggen i crieju pe l’aia:
ti, piccin, ti nûei in co e brasse nue
andando da to moæ a to poæ.


Traduzione in italiano

I salvagenti sgonfi
Tu nuotavi coi salvagenti sgonfi
io ti dicevo di buttarli via
Il mare del golfo splendeva di luce
e i “bagnanti” gridavan come uccelli.
Più al largo, dei puntini bianchi
eran ochette che si dondolavano
sulle onde calme di quella estate.
Poi, da lontano, hai visto arrivar papà.
Ancor le ochette dondolavano al sole,
ancora i gabbiani gridavan nell’aria:
tu, piccino, nuotavi a braccia nude
andando da tua mamma a tuo papà.

Racconto inviato da: Laila Cresta