POESIE - SICILIA
Ajutatimi vuiautri
L'autore chiede aiuto ai genitori e al fratellino defunti
Dialetto: Sicilia

Ajutatimi vuiautri
Matri mia, ca na vicchiania parturisti
E dopu novi figghi mi ginirasti,
Ri stu munnu troppu prestu ti ni isti
E a mia sulu ni sta terra m’abbannunasti
So c’ajutu a truvari lu Patri miu
E in ‘pararisu cu ma frati Turuzzu lu ritruvasti
A s’incontru ci avissi vulutu assistiri macari ju
Ca dopu vinticincu lonchi anni lu riabbracciasti
Matri e Patri miu, uora lu capisciu
Quantu la vosra mancanza m’ha custata cara
Senza nu rimprovuru e senza nu patriu cunsigghiu
Senza putiri vasari la to trizza janca
Ri quannu mi lassasti, Matri mia
Ajù campatu rintra stu munnu ri stranu
Nun sacciu a c’aju fattu, e se la cuppa je mia
Sugnu ristatu sulu, alluntanatu ri tuttu lu parintatu

Ma chiddu ca Matri mia t’addumannu
Ca cu Turuzzu e ma Patri stati ‘nsemi
Vujauttri ca lu calici amaru n’ata vivutu tantu
Alluntanati ra ma famigghia tutti sti peni!

Uora lu sacciu, cosa pruvasturu tutti rui
Quannu la niura bumma a Turuzzu si puttau
Lu straziu ri lu vostru pettu nun putirisi firmari,
Sulu l’amuri pi l’auttri vi resi la forza ri campari.

Patri, Matri e Turuzzu mei amati cari
Rivulgitivi a lu Signuri e alla Matri ro Bamminu
Ri lassari stu figghiu fra li frazza ri so Matri
Ca chianci notti e jornu pi stu so Salvino


Traduzione in italiano

Aiutatemi voialtri
Madre mia che nella vecchiaia mi partoristi
E dopo nove figli mi generasti
Da questo mondo, troppo presto te n'andasti
Ed a me solo in questa terra mi abbandonasti
So che sei andata a trovare il padre mio
E in paradiso con mio fratello Turuzzo vi ritrovate
A quell’incontro, avrei voluto assistere pure io
Che dopo venticinque lunghi anni lo riabbracciasti
Madre e Padre miei, adesso lo capisco
Quando la Vostra mancanza mi é costata cara
Senza un rimprovero, senza un patrio consiglio
Senza poter baciare la tua treccia bianca
Da quando mi lasciasti madre mia
Ho vissuto dentro questo mondo da estraneo
Non so a chi ho fatto torto, e se la colpa è mia
Sono rimasto solo, allontanato da tutto il parentato

Ma quello che Madre mia io Ti domando
Che con Turuzzo e mio Padre siete insieme
Voialtri che del calice amaro n'avete bevuto tanto
Allontanate dalla mia famiglia tutte queste pene!

Adesso so cosa provaste tutte due
Quando la nera bomba a Turuzzu si portò
Lo strazio del vostro petto non potersi fermare
Solo l’amore per gli altri vi dette la forza di campare

Padre, Madre e Turuzzu, miei amati cari
Rivolgetevi al SIGNORE e alla Madre del Bambino
Di lasciare questo figlio, tra le braccia di sua Madre
Che piange notte e giorno per questo suo Salvino


Racconto inviato da: Adriano Boscarino