POESIE - CAMPANIA
Sonetto napoletano del Settecento
L'autore è Gennaro Capasso, nato a Grumo Nevano e morto a Napoli il 2 Giugno 1745.
Dialetto: Campania

Sonetto napoletano del Settecento
E' ascio, è coccovaja, è sportiglione
E' sommiero che arraglia o puorco nchiuso:
E' bufalo che vene a lu pascone
o sorece che corre a lu perttoso ?
Che ne dice? Sarrà gatto maimone,
cane arraggiato o serpe ntossecuso.
Piecoro de Foggia o caparrone;
Pe ne sapè la razza io so confuso
E' urzo,è voje, è mulo cauciataro,
basilisco che accide co la vista
o fosse,nsanità, lupo mannaro?
A l'Arca de Noè ,n'è scritto a lista
Vuoje sapè che cos'è ? Mo te lo mparoi
tiralo pe la coda . E' Petrarchista.


Traduzione in italiano


E' assiuolo, è civetta, è pipistrello
E' somaro che raglia o maiale rinchiuso:
E' bufalo che viene al pasolo
o topo che corre al suo buco?
Che ne dici? Sarà gatto mammone,
cane arrabbiato o serpe velenoso.
Pecora di Foggia o caprone;
Per conoscerne la specie io so confuso
E' orso, è bue o mulo scalcitante
O "basilisco" che uccide con lo sguardo
o fosse non sia mai, lupo mannaro?
Non è iscritto nella lista dell'Arca di Noè
Vuoi sapere che cos'è? ora te lo insegno
Piglialo per la coda. E' Petrarchista. (°)


(°) Letterato rifacentesi alle poesie del Petrarca

Racconto inviato da: Gennaro Santorelli