POESIE - CAMPANIA
Comme a 'na Maria

Dialetto: Campania

Comme a 'na Maria
‘O core tuojo è nu purtone chiuso
addò vengo a bussà tutt’’e mmatine
ma tu ogni vvote sempe cu’ ‘na scusa
nun m’arape e aggio voglia ‘e tuzzulià.

E’ ‘o vero ca’ nun ce stà rosa senza spine,
ma pe’ ‘na vota sola vulesse sentì ‘addore
‘e ‘stu sciore ca’ prufuma pe’ tutt’’o sciardino
ca cu’ nu sciuscio ‘e viento, te fà ‘nnammurà.

Se tu arape ‘na senghetella ‘e chistu core,
pure se a malapena sientarraje ‘sta voce,
assaje cchiù fforte può ssentì ‘st’ammore,
ca’ ‘mpietto me turtura e me fà strapazzà.

Pe’ quantu tiempo aggia purtà ‘sta croce,
ca’ me trascino ‘nguollo tutt’’e mmatine?
‘sta pena d’ammore, è nu calvario doce
ma senza ammore moro senza resuscità.

E allora arape ‘stu purtone e fatte vicina
e comme ‘a ‘na Maria tieneme astrignuto
lieveme cu’ ‘e mmane ‘sta curona ‘e spine
e comm’a nu figlio chist’ammore fà salvà.


Traduzione in italiano

Come Maria
Il tuo cuore è un portone chiuso
dove vengo a bussare tutte le mattine,
ma tu ogni volta sempre con una scusa
non mi apri e resto a picchiare.

E’ vero che non c’è rosa senza spine
ma per una volta sola vorrei sentir l’odore,
di questo fiore che profuma l’intero giardino,
che con un alito di vento ti fa innamorare.

Se tu apri giusto un pò il tuo cuore
anche se a malapena, sentirai questa voce,
ma molto più forte potrai sentire quest’amore,
che nel petto mi tortura e mi strapazza.

Per quanto tempo devo portare questa croce
che mi trascino addosso ogni mattino?
Questa pena d’amore è un calvario dolce,
ma senza amore muoio senza resuscitare.

E allora apri questo portone e fatti vicina
e come una Madonna tienimi stretto
levami con le mani questa corona di spine
e come un figlio salva quest’amore.

Racconto inviato da: Luciano Vetrone