POESIE - LAZIO
Se un nagelo te porta in Paradiso

Dialetto: Lazio

Se un nagelo te porta in Paradiso
Se un angelo te porta in Paradiso
io nun me scorderò der tuo soriso..

Ricorderò lo sguardo tuo amoroso..
che nun te acconcedevi mai er riposo..
De quanno che portannome pe’ mano
m’accompagnavi er passo..piano..piano..
Me rigalavi la tua giovinezza
lassannome ner còre l’allegrezza.

Se un angelo te porta in paradiso
io nun me scorderò der tuo soriso..

Me pare dì:” Sto bene..nun lo vedi?”
Puro si nun te reggi manco in piedi!
Mò te ritrovi tutto ‘sto coraggio..
e penzo :”Semo solo de passaggio..”
Ma arissomiji sempre a ‘na bambina..
puro si hai superato l’ottantina..

Se un angelo te porta in Paradiso..
No..nun me scorderò der tuo soriso!



Traduzione in italiano

Se un angelo ti porta in Paradiso
Se un angelo ti porta in Paradiso
io non dimenticherò il tuo sorriso...

Ricorderò il tuo sguardo amoroso
che non ti concedevi mai il riposo..
Di quando portandomi per mano
accompagnavi il mio passo..piano..piano..
Mi regalavi la tua giovinezza
lasciandomi nel cuore l'allegria.

Se un angelo ti porta in Paradiso
io non dimenticherò il tuo sorriso..

Sembri dire:"Sto bene..non lo vedi?"
Anche se non ti reggi neanche in piedi!
Adesso trovi tanto coraggio..
ed io penso:" siamo solo di passaggio.."
Ma assomigli ad una bambina
anche se hai superato l'ottantina..

Se un angelo ti porta in Paradiso..
no..non dimenticherò il tuo sorriso!


Racconto inviato da: Paola Durantini