POESIE - PUGLIA
Nan zacce còme se chiame
Francesco Palazzo Nato a Bisceglie nel 1920 e deceduto a Bisceglie nel 2000. Maresciallo Maggiore dei Carabinieri (Il carabinier poeta)
Dialetto: Puglia

Nan zacce còme se chiame
E' na giòvena
biondéne,
che grazzie
e mòde gendéle.
E' assaie criause.
E' na pìupe
pettòte da Sande Lìuche,
ténere,
grazziòse
e delecote
còme na ròse.
E' ne quadre de Renoir?
E' na balleréne de Degas?
E' de chìue!
E' na ròre bellèzze
de Vescègghie.
A guardalle
te dè préisce
e ce t'adòcchie
t'ègne d'emozziòne,
te fòce abbatte
fòrte u còre.
La vaiche spisse
nan zacce còme se chiame.

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Non so come si chiama
E' una giovane
biondina
con grazia
e modi gentili.
E' tanto carina.
E' una bambola
dipinta da San Luca,
tenera,
graziosa
e delicata
come una rosa.
E' un quadro di Renoir?
E' una ballerina di Degas?
E' di più!
E' una rara bellezza
di Bisceglie.
A guardarla
ti dà soddisfazione
e se ti guarda
ti riempie d'emozione,
ti fa battere
forte il cuore.
La vedo spesso
non so come si chiama


Racconto inviato da: Antonio Palazzo