POESIE - PUGLIA
Nuvue, véinde e fiìure
Francesco Palazzo Nato a Bisceglie nel 1920 e deceduto a Bisceglie nel 2000. Maresciallo Maggiore dei Carabinieri (Il carabinier poeta)
Dialetto: Puglia

Nuvue, véinde e fiìure
Na bèlla maténe
devèrse stèlle alpéne
vedérene ne gruppe de nuvue
e l'addemannòrene:
"A dò sciòte ad acchessé
de cherrénne?"
"Nan zapéme,
u véinde ne spènge,
ne pòrte che idde
vèrse la chianìure,
a mare,
o saupe a re mendègne
finghe a quènne ngòndre
le fròte,
pe scé nzéime
o pe fò léte.
E ce fàcene léte,
mmézze a trònere e lémbe
ne squagghiame
e levame la sècche
a tènda fiìure,
ca nglenate saupe a le stéle
vàsene u pròte
e méndre n'ue mbréme
lòre chendìnuene a cambò."

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Nuvole , vento e fiori
Un bel mattino
diverse stelle alpine
videro un gruppo di nuvole
e chiesero loro:
" Dove andate così
di corsa?"
"Non sappiamo,
il vento ci spinge,
ci porta con lui
verso la pianura,
al mare,
o sulle montagne
fino a quando incontra
i fratelli,
per andare insieme
o per litigare
E se litigano,
tra tuoni e lampi
ci sciogliamo
e togliamo la sete
a tanti fiori,
che inclinati sugli steli
baciano il prato
e mentre noi moriamo
loro continuano a vivere.


Racconto inviato da: Antonio Palazzo