POESIE - PUGLIA
Ngarecame u nònne
Francesco Palazzo - 1920/2000 - Maresciallo maggiore dei Carabinieri. Il Carabiniere poeta di Bisceglie
Dialetto: Puglia

Ngarecame u nònne
S'òva fò u telegrèmme!
Mènne a la pòste u nònne.
S'ònna pagò re tasse!
Manname a l'esattoréie u nònne!
E' orarie! Dille o nònne de scé
a pegghiò la menènne da la scòle.
S'òva pagò la bullétte du telìfene
e de la lìuce.
Ngarecame u nònne.
S'à specciòte la carte iggiéneche!
Mènne sùbbete o negòzzie u nònne.
S'òva scé a métte u timbre a la
Saubbe.
Manname u nònne.
Ce ièmma fò ne ciambòtte bòune,
a la chiazze ava scé u nònne,
idde le pisce le sòpe ségghie.
Ce se facene alte descurse,
u nònne nan capisce néinde:
à fatte vécchie.
Onn'arrebbòte la mèchene!
A la casèrme òva scé u nònne,
idde canòsce la lègge e u marascialle.
Onna menéie a fò visite génde de reguarde:
sbelaggiamme u nònne.
Ov'avanzòte ne picche de menéstre,
datangille o nònne.
Pòvere nònne!...
U vòltene , u aggirene e u sbàttene
còme vòlene.
Nan ze nghiète,
seppòrte e se stè citte.
Ce parle, dìcene ca sbaglie,
ma a sbagliò, déce u nònne, sò le
giùvene, ca sènz'esperiénze,
crédene de sapaie tutte.
E giacchè la véte ova scé
còme dìcene le figghie, le scéìrne,
re nòre e le nepìute deplomate
e laureòte,
u nònne se vé a còlche
e, préme de fasse u sègne de la crauce
e d'achìude redd'occhiere,
ménne a fa nghìule tutte,
e u munne nòuve soprattutte.

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Incarichiamo il nonno
Incarichiamo il nonno
Si deve fare il telegramma!
Manda alla Posta il nonno.
Si devono pagare le tasse!
Mandiamo all'esattoria il nonno!
E' ora! Dì al nonno di andare
a prendere la bambina dalla scuola.
Si deve pagare la bolletta del telefono
e della luce.
Incarichiamo il nonno.
E' finita la carta igienica!
Manda subito al negozio il nonno.
Bisogna andare a mettere un timbro alla
Saub.
Mandiamo il nonno.
Se si deve fare una zuppa di pesce buona
alla piazza deve andare il nonno,
lui i pesci li sa scegliere.
Se si fanno altri discorsi,
il nonno non capisce niente:
è diventato vecchio.
Hanno rubato l'automobile!
Alla caserma deve andare il nonno,
lui conosce la legge e il maresciallo.
Devono venire a trovarci degli ospiti di
riguardo:
sbolognamo il nonno!..
E' avanzata un pò di minestra.
Datela al nonno.
Povero nonno!...
Lo voltano, lo girano e lo sbattono
come vogliono.
Non si adira,
sopporta e sta zitto.
Se parla, dicono che sbaglia,
ma a sbagliare, dice il nonno, sono i
giovani, che senza esperienza,
credono di sapere tutto.
E'poichè la vita deve andare
come dicono i figli, i generi,
le nuore ed i nipoti diplomati
e laureati,
il nonno se ne va a dormire
e, prima di farsi il segno della croce
e di chiudere gli occhi,
manda affanculo tutti,
ed il mondo nuovo soprattutto.


Racconto inviato da: Antonio Palazzo