POESIE - PUGLIA
Lu Puaese- Cannéla
Descrizione e (dolce -triste) ricordo del mio mai dimenticato paese, che ho dovuto lasciare (abbandonare) tanti anni fa per ragioni di lavoro .
Dialetto: Puglia

Lu Puaese- Cannéla
Cannela, lu puaese mije,
è tutte nnu quadrette, nnu presebbie;
re iuorn pl'aria abbolene a mmorra farfalle e avucielle
e re sera tu abbranche stelle a mmìll' a mmìll'.

Staie assettate 'ntrone sop'addoie colline,
ch'assemmegliene a la naca re nnu quammelle,
re notte la luna è sembe malandrina
e tanda càtecatàsce s'appìccene come fiammelle.

Cche aria adderosa r'arighena e re pine,
catalliscene l'anema com'a nu huande re vellute
tande ca tu subbete rice:Cessù cessù ije stache già 'mbaravise
o stache scenne a 'ndò nasce lu sole?

Cannela tene a facce fronda lu Guargane,
e face girotondo ch'Rocchetta,Sand'Ahata e Asch'le Satriane;
attuorne attuorne la huardene Munduicchie e Minerbine
e abbasce abbasce a quera vann' a l'Offt',
la saluta Canosa ch'è na città divina.

Quanda cose belle tene stu puaese mije
e l'aggelassate afflitte e sule sule;
ma la colpa nonn'è mia, te l'aggiure, e manghe toia,
sò state re circostanze re la vita
pemmuaragnà quire stuozze re pane andìche.

Ma ije ti ricorderò ognistande
pure si m'avessena fa appiezze appiezze,
tu sule si la mia cara cumbuagnija
e te tenghe 'ngore com' a la mamma mia!

Tutte re lagreme chiagnute Paese mije
nond'hànn' fatt'arrevendà s'uocchie brutt' e appannate;
la faccia la tiene sémb' ianga e rossa
e nun' zarà mai gialla gialla e totta arripecchiata.


Traduzione in italiano

Il (mio ) paese - Candela
Candela, il mio paese,
è tutto un quadretto, un presepe;
di giorno volteggiano nell'aria stormi di
uccelli e farfalle
e di sera tu abbranchi stelle a mille a mille.

Siede in trono su due colline
quasi fossero le gobbe di un cammello,
di notte la luna è sempre malandrina
e tante lucciole si illuminano come fiammelle.

L'aria odorosa di origano e di pini
ti accarezza dolcemente l'anima
come fosse un guanto di velluto
tanto che tu dici subito:"Gesù Gesù
io sono già in Paradiso
oppure sto andando verso l'Oriente?".

Candela ha di fronte il Gargano
e fa girotondo con Rocchetta,Sant'Agata e Ascoli Satriano;
tutti intorno la guardano: Monticchio e Minervino
e in lontananza, verso l'Ofanto,
la saluta Canosa che è una città divina.

Quante cose belle ha questo paese mio
ed io l'ho lasciato afflitto e senza compagnia
ma la colpa, credimi, non è mia, te lo giuro e neanche tua,
sono state le circostanze della vita
per guadagnarmi quel tozzo di pane antico.

Ma io ti ricorderò ogni istante
anche se dovessero ridurmi a pezzettini
tu sola sei la mia cara compagnia
ed io ti terrò sempre nel cuore come la mamma mia.

Tutte le lacrime( di dolore e sofferenze) versare
non ti hanno fatto diventare gli occhi brutti e appannati;
la tua faccia sarà sempre bianca e rossa
e la pelle non diventerà mai gialla gialla
solcata da profonde e vecchie rughe.

Racconto inviato da: Pasquale Castellano