POESIE - MOLISE
Arriva rhu lebrette

Dialetto: Molise

Arriva rhu lebrette
Povere viècchie,Pasqualucce Voita,
vettuote e desprezzèate 'gnè mumende.
La néura pe cubélle attacca loita,
rhu figlie alloggia e pare ca'nge sénde.

" Vì che se passa,vì che calamoita!
M'ajje vuta 'ngullà,pure sc-tu viécchie
Rhu Patreterne apuò 'nze move a poita"
Pasqualucce gnà fosse ca 'nde récchie.

Và 'bbide chigna fu,mò,na matoina
jarriva a la 'mbruvvoisa rhu lébrette:
cagnane,nora e figlie,la ceroina.

Vedénnese trattate a ùende gélle,
deceva Voita:" Ah,more condiende!"
E Réusa dolge:" Camba tata biéelle!"


Traduzione in italiano

Arriva il libretto(di pensione)
Povero vecchio,Pasqualuccio Voita
scacciato e disprezzato ogni momento
la nuora per un niente attacca lite,
il figlio fa il finto tonto e pare che non ci senta.

"Guarda che ci passa,guarda che calamità
Ho dovuto addossarmi anche questo vecchio!
Il Padre Eterno,poi,non si muove a pietà
Pasqualuccio come non avesse orecchie.

Vai a vedere come fu, da poco,una mattina,
gli arriva all'improvviso il libretto:
la nuora e figlio cambiano cera.

Vedendosi trattato a guanti gialli
diceva Voita:"ah,muoio contento!"
E Rosa,dolce :"Campa,tata bello".

Racconto inviato da: Michele Di Ciero