POESIE - MOLISE
Prejera

Dialetto: Molise

Prejera
Mannace l'acqua,Segneure,
pahace,vojja,tanta sedeure,
'uarda sc-te greane,sicche,'ngialloite
e sc-te maiase naire,arpuloite.
Spicane 'nderra sciene e trefuoglie,
pruote e ne chieue gna fosse luglie:
-Cruope,Segneure, cruope rhu ciele
se né vo sc-trujje ierv'e pediele.
Ah,che te cosc-ta Segneure Ddojja?
Pò esse trisc-te rhu core tojja?
Uarda, cundembla da esse 'ngioima,
teh,che ssedasc-tre,teh,che ruvoina!
Terr'abbresciuate,secche,desc-trutte
sciure e chiandoime tutte sfraddutte.
Che sc-tuocche mojja r'abbagnarrojja
(ca'zò na fonde,gna me sa rojja)
finn'assecorme tutta la voita.
Ma s'en'arsicche de rajjaa e poita
e iette lamiende,iette sedaure;
muovete a pèoita,Criste Segneure.
nu'nde cercame halandarojja:
dacce le peane e pò cchiù crojja.
Tu ce scì potre, uovete a poita,
ecche aspetteame, dacce la voita.



Traduzione in italiano

Preghiera
Mandaci l'acqua, Signore,
pagaci,su via,tanto sudore.
Guarda questo grano,secco,ingiallito
e questo maggese nero, ripulito.
Spigano per terra fieno e trifoglio,
prati e non piove come fosse luglio:
"Copri, o Signore, copri il cielo,
se non vuoi distruggere erbe e piante.
Ah, che ti costa,Signore Iddio?
Può essere cattivo il cuore tuo?
Guarda, contempla da la sopra
ah che disastro, che rovina!
Terra bruciata,secca e distrutta,
fiori e piantine tutte rovinate:
Con questi occhi miei li bagnerei
(che non sono una fonte, come me ne rammarico)
fino ad asciugarmi la vita tutta.
Mi sono riempito di rabbia e di pietà
e butto lamenti, butto sudore.
Muoviti a pietà,Cristo Signore.
Noi non cerchiamo galanterie:
dacci il pane e poi niente più.
Tu ci sei padre,muoviti a pietà;
ecco che aspettiamo,dacci la vita.

Racconto inviato da: Michele Di Ciero