POESIE - SICILIA
Ti priu patri miu
L'autore, esaminata la società attuale, chiede aiuto al PADRE per poter dare aiuto ai più diseredati, e bisognosi.
Dialetto: Sicilia

Ti priu patri miu


Patri miu, Patri ca ni l’omini santi e onesti alloggi.
So ca jai tantu ri chiffari, pi aiutari tanta genti onesta.
Cerca ri truvari tanticchia ri tempu pi visitari chista casa.
Pi rifriscari l’anima mia, e libbirarimi ri sta sorti amara.

Sugnu circundato ri sciacalli jeni e sirpenti.
Li crirevu amici e m’hannu calunniatu e ‘nfamatu.
Nun cià mpurtatu nenti r’aumintarimi no cori ranni peni.
E supra la me carni e li me ossa hannu fattu lu loru varagnu

Parintatu e amici m’hannu ‘ngannatu trarutu e abbannunatu.
E ri ‘ddu picca c’avevumu hannu rubbatu e truffatu.
Ri li me vai e peni sazzi finu a uora nun sunnu.
Pissicutannimi cu tinti minzogni pi tuttu lu munnu.

Suttu na niura stidda, fossi aju nasciutu.
La bona sorti portu all’autri, e pi mia nu n’aju.
Pissinu a cu vogghiu beni iddi fortuna nun’hannu.
E lu me cori si srazia quannu li viri suffriri tantu

A Tia o Patri miu, co cori ne manu m’aju rivuggiutu.
Tu ca sai leggiri rintra lu cori ri tutta la genti.
T’aju circatu pi sta terra e pi restu ri lu munnu.
P’aviri paci l’anima mia, e chiddi ca campunu onestamenti.

Ma quannu jù ti cercu Tu si sempri occupatu.
E macari ca jettu vuci, Ti giri ri l’auttru latu.
Po jessiri mai ca jè accussì ranni lu me piccatu.
Ri putiri siri pirdunatu, e cunsulatu

So ca prima o poi cumpaririti, ravanti T’aju.
E ri la Tò ranni giustizia, siri giuricatu
Pigghiu lu casticu, ri lo mio misfattu
Ma ti priu ri siri bonu cu chiddi c’hannu purgatu

II°

Jù ni sta terra, nun sacciu chiùi chi starici a fari,
Ca beni a sta tinta sucità nun’ajù saputu rari.
Su tutti assitati, ri putiri, ricchezza e dinari.
Futtennisi re poveri mischini, ca morunu ri malatia e ri fami.

Lu cori re putenti, è ‘cchiù duru ra petra ri milita.
E pi ‘mpugnu ri rinari, tanta genti fannu crepare.
Nun’hannu cori ne rispettu, mancu ra famigghia.
Vonu divittirisi supra all’autri, e sguazzari ni lì rinari

Ma se ajù truvatu tanticchia ri razzia, ni lu Tò cori.
Nu puzzuddu ri compassioni, pi chiddi ca sunu ni la tempesta.
Rimmi Tù, quali viottulu, trazzera o srata jè pigghiari.
Pi dari ‘mpocu r’amuruso rifriscu a tanta genti onesta

Piddonami se T’ancujetu, cu sta ‘dumanna mia,
Quannu c’è tanta genti ca mori, o sta peggio ri mia.
Ma sugnu tistardu, e nun ci la finisciu, ri chiamariTi, e priari,
P’aviri ni stu munnu paci, giustizia e pi tutti ‘mpezzu ri pani .

Siracusa, Gennaio 95


Traduzione in italiano

Ti prego padre mio


PADRE mio, PADRE che negli uomini santi e onesti alloggi
So che hai molto da fare, per aiutare tanta gente onesta
Cerca di trovare un poco di tempo per visitare questa casa
Per rinfrescare l’anima mia, e liberarmi da questa sorte amara

Sono circondato da sciacalli iene e serpenti
Li credevo amici, e mi hanno calunniato ed infamato
Non è importato niente a nessuno d’aumentarmi nel cuore
Grandi sofferenze
E sopra la mia carne e le mie ossa hanno fatto il loro guadagno

Parentato e amici mi hanno ingannato tradito e abbandonato
E di quel poco che avevo lo hanno rubato e truffato
Dei miei guai, e delle mie sofferenze, sazi fino ad ora non sono
Perseguitandomi con cattive bugie per tutto il mondo

Sotto una nera stella forse sono nato
La buona sorte porto agli altri, e per me no ne ho
Perfino a chi voglio bene, loro fortuna non ne hanno
E il mio cuore si strazia, quando li vede soffrire tanto

A TE o PADRE mio, col cuore in mano mi son rivolto
Tu che sai leggere dentro il cuore di tutta la gente
TI ho cercato per questa terra e per il resto del mondo
Per avere pace l’anima mia e quelli che campano onestamente

Ma quando io TI cerco TU sei sempre occupato
E anche se grido, TI giri dall’altro lato
Può essere mai che è così grande il mio peccato
Da non potere essere perdonato e consolato

So che prima o poi comparirTI davanti devo
E della TUA grande giustizia essere giudicato
Prendo il castigo per il mio misfatto
Ma TI prego d'essere buono con coloro che hanno purgato

II°

Io in questa terra non so più che starci a fare
Che bene a questa cattiva società non ho saputo dare
Sono tutti assetati di potere, ricchezza e denari
Fregandosene dei poveri meschini, che muoiono di malattie e di fame.

Il cuore dei potenti, e più duro della pietra di basalto
E per un pugno di denari tante persone fanno crepare
Non hanno cuore ne rispetto nemmeno per la famiglia
Vogliono divertirsi sopra gli altri, e sguazzare tra i denari

Ma se ho trovato un tantino di grazia nel TUO cuore
Un pochettino di compassione, per quelli che sono nella tempesta.
Dimmi TU quale viottolo, trazzera o strada devo prendere
Per dare un poco d’amoroso refrigerio, a tanta gente onesta

Perdonami se TI scomodo con questa domanda mia
Quando c’è tanta gente che muore, o sta peggio di me.
Ma sono testardo, e non la finisco, di chiamarTI e pregarTI
Per avere in questo mondo, verità pace,giustizia e per tutti un pezzo di pane


Racconto inviato da: Adriano Boscarino