POESIE - SICILIA
Mpuzzuddu ra me terra
L'autore racconta ciò che vede da casa sua
Dialetto: Sicilia

Mpuzzuddu ra me terra
Quannu a capu ra matina m’arruspigghiu
E l’occhi mei fora ri la finesra jettu
Fra nu varagghiu, nu suspiru e nu stinnicchiu
Godi l’anima mia pi stu panorama che nu veru dilettu.
Lu suli ca suggi ri l’infucatu mari
Nill’aria frisca e pulita mi pari ri vulari
Comu ddi libbiri passareddi vulissi svulazzari
E putiri ddu paiseddu ri l’aria cuntimplari.
Se votu l’occhi mei versu la tramontana
Restu maravigghiatu alla vista ri la furnacia montagna
Cu la punta annivata e cu na bedda e ricca fumata
Domina comu nu re Mungibeddu supra la ranni chiana.
Ma l’occhi mei nun si stancunu ri stu panorama
Ammirunu Canicattini, Muntiroru e la ranni cava
No vasciu l’Anapu scivula fra l’abbiri e li canni
La testa Pisima suggi fra li papìri e li pàpiri
E quannu lu Stiddazzu rarreri munti Lauru s’ammuccia
L’azzurru scelu ri russu focu s’adduma e sbamba
Sta russa sirata tempu bonu n’annunzia
Rumani avemu na caura e bona jùrnata
Mentri ca lu Suli leggiu leggiu o pagghiaru sinni va
Li passareddi tornunu ri la campagna pi la caura città
Spittaculu chiù fantasiusu chista terra nun ti pò dari
Ca restunu maravigghiati l’omini, picciriddi e genti ranni.
E quannu la scura notti scinni ni sta terra
E la Luna nun s’affaccia pi sta sira ra solita finestrra
Luntanu ri li luci chianu chianu mi ni vajù
Pi cuntimplari cu l’occhi e l’anima stu miu scelu stiddatu

E pi tantu ca ni stu munnu aju giratu
Terra chiù bedda ri chista nun’aju truvatu
E la terra ri me patri, me matri e unni sugnu natu
Chista jè terra ri la Sicilia mia, ca tantu tantu aju amatu.


Traduzione in italiano

Un pezzetino della mia terra
Quando al mattino presto mi risveglio
E gli occhi miei fuori della finestra butto
Tra uno sbadiglio, un sospiro e uno stiramento
Gode l’animo mio per questo panorama che è un vero diletto.
Il sole che sorge dall’infuocato mare.
Nell’aria fresca e pulita mi sembra di volare
Come quei liberi passeri vorrei svolazzare
E poter quel paesello dall’alto contemplare
Se giro gli occhi miei verso la tramontana
Rimango meravigliato alla vista della fornace montagna
Con la punta innevata, e con una bella e ricca fumata
Domina come un re Mongibello sopra la grande piana
Ma gli occhi miei non si stancano di questo panorama
Ammirano Canicattini, Montedoro e la grande cava
Nel basso l’Anapo scivola tra gli alberi e le canne
La fonte Ciane sorge tra i paperi e le papere
E quando lo Stellaccio dietro monte Lauro si nasconde
L’azzurro cielo di rosso fuoco s’accende e s’infiamma
Questa rossa serata tempo buono ci annunzia
Domani avremo una calda e buona giornata
Mentre il sole piano piano al pagliericcio se ne va
I passeri tornano dalla campagna per la calda città
Spettacolo più fantasioso questa terra non ti può dare
Che restano meravigliati gli uomini, bambini e gente grande
E quando la scura notte scende in questa terra
E la luna non si affaccia per questa sera dalla solita finestra
Lontano dalle luce piano piano me ne vado
Per contemplare con gli occhi e l’anima questo mio cielo stellato
E per quanto questo mondo abbia girato
Terra più bella di questa non ne ho trovato
E'la terra di mio Padre, mia Madre e dove sono nato
Questa è la terra della mia Sicilia, che tanto amo!

Racconto inviato da: Adriano Boscarino