POESIE - PUGLIA
U cane randagge
Il Carabiniere poeta di Bisceglie
Dialetto: Puglia

U cane randagge
Aggère, còrre, se fèrme,
sénde u addaure du arruste,
strènge tra le déinde l'òusse
e fìusce.
Salte u paraite,
se mètte a re sechìure
spòlpe e pigghie u sòunne.
Se resbègghie
sìule e temerìuse,
chiane e spavendòte va
cu sguarde triste
ngèrche de chembagné,
d'aìute,
d'affétte.
Ci nan tène còre
u cacce e u desprézze,
u accarèzze,
ci le dà pane e amòre.

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Il cane randagio
Gira, corre, si ferma,
sente l'odore dell'arrosto,
stringe fra i denti l'osso
e fugge.
Salta il muretto ,(di pietre a secco),
si mette al sicuro
spolpa e s'addormenta.
Si risveglia
solo e timoroso,
lento e spaventato va
con lo sguardo triste
in cerca di compagnia,
d'aiuto,
d'affetto.
Chi non ha cuore
lo scaccia e lo disprezza,
lo accarezza,
chi gli dà pane e amore.


Racconto inviato da: Antonio Palazzo