POESIE - SICILIA
Terra ro me cori
L'affetto verso la propria terra
Dialetto: Sicilia

Terra ro me cori
Ni sta terra sugnu natu.
Ni sta terra aju campatu.
Pi sta terra aju suffrutu.
Pi sta terra aju ...
Chista jè a terra ri Sicilia
Ca pi idda rassi a vita
Chista e a terra ro me cori
Ca pi idda chianci soffri e...
Chista è la patria ri lu frumentu.
Chista è la terra ri lu ventu.
Chista è la patria ri tanti martiri.
Chista è la terra ri tanti santi.
Chista è la matri ri sant’Aita
Ni sta terra si pria santa Barbara
Chista è la matri ri santa Lucia.
Ni sta terra si pria santa Rosalia.
Ni st’isula c’è lu forti suli.
Ni st’isula c’è lu forti amuri
Idda si pria ro so beddu mari
Idda si roli ro so ranni mali
Lu mali ca sta terra pi troppu tempu ha suppurtatu.
E’ lu mali ca li ricchi baruni hannu parturitu e amatu.
Stu mali ca li moderni politicanti hannu addivatu e crisciutu.
Stu mali ca javi li vilinusi franchi pi tuttu lu munnu.
Pi chista terra mia bedda e adurata.
La vulissi onesta giusta e ben lavata.
La vulissi puliziari cu li manu, la menti e lu cori.
Pi fari ra Sicilia la terra dill’amuri e di l’onori.

A lu munnu, lu frumentu pi tanti seculi tu ci hai ratu.
E all’Italia lu sancu re toi picciotti ci hai rialatu.
A iddu c’ jai ratu li megghiu figghi ro to core.
DUCEZIO, ARCHIMEDE, MARTOGLIO
BORSELLINO e FALCONE.


Traduzione in italiano

Terra del mio cuore
In questa terra sono nato.
In questa terra sono campato.
In questa terra ho sofferto.
In questa terra sono...
Questa è la terra di Sicilia
Che per lei darei la vita
Questa è la terra del mio cuore
Che per lei piange soffre e...
Questa è la patria del frumento.
Questa è la terra del vento.
Questa è la patria di tanti martiri.
Questa è la terra di tanti santi.
Questa è la madre di sant'Agata
Qui è molto pregata santa Barbara
Questa è la madre di santa Lucia.
Questa è la madre di santa Rosalia.
In quest’isola c’è il forte sole.
In quest’isola c’è il forte amore
Lei si rallegra del suo bel mare
Lei si affligge del suo grande male
Il male che questa terra per troppo tempo ha sopportato.
E il male che i ricchi baroni hanno partorito e amato.
Questo male che i politicanti hanno allevato e cresciuto
Questo male che ha i velenosi tentacoli per tutto il mondo.
Questa mia terra bella e adorata.
La vorrei onesta giusta e ben lavata.
La vorrei pulire con le mani, la mente e il cuore.
Per fare della Sicilia la terra dell’amore e dell’onore.

Al mondo il frumento per tanti secoli tu gli hai dato.
E all’Italia il sangue dei tuoi picciotti hai regalato.
A lui, gli hai dato i migliori figli del tuo cuore.
DUCEZIO, ARCHIMEDE, MARTOGLIO
BORSELLINO E FALCONE.

Racconto inviato da: Adriano Boscarino