POESIE - PUGLIA
La dròghe
Francesco Palazzo - 1920/2000 - Maresciallo maggiore dei Carabinieri. Il Carabiniere poeta di Bisceglie
Dialetto: Puglia

La dròghe
Feccasse ind'o chèmbe
de la dròghe ià orrénde.
Seccédene fattacce, malatéie,
se mòre.
Uagnìune,attéinde!
Allendanèteve!
Penzòte a ci
nan pòte avaie re pane,
cercòte che tòtte re fòrze
d'arrecchèsce la véta vòste
de studie, obbdiénze
e bòne azzìune.
Le sòlde ca se spénnene
ped accattòie la dròghe
sèrvene sòle a mbré préme;
ma ci aitòte re crìature
ca ònne abbesòugne de cibbe,
u còre s'ègne d'amòre,
la véte repigghie ad ésse sane,
se retòrne a camenaie
saupe a sendéire de grazzie,
e de béne.
Che bòna volondò e coragge
ve n'avéta assé da ndréghe lòusche
e redòie a re famigghie vòste,
ca sòffrene, la tranguilletò.
Na nòv'albe,
ricche de préisce,
l'avéta fòie nèsce,
pe cambò na véta sagge.
Nan avéta scé a frennèsce
ind'a spetòle, n'galère
oppìure o capesènde.
Nunne, attane e mèmme,
nan ònna chiènge.

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

La droga
Entrare nel campo
della droga è orrendo.
Accadono fattacci, malattie
si muore.
Ragazzi, attenti!
Allontanatevi!
Pensate a chi
non può avere il pane,
cercate con tutte le forze
di arricchire la vostra vita
con studio, obbedienza
e buone azioni.
I soldi che si spendono
per comprare la droga
servono solo a morire prima;
ma se aiutate i bambini
che hanno bisogno di cibo,
il cuore si colma d'amore,
la vita riprende ad essere sana,
si ritorna a camminare
su sentieri di grazia
e di bene.
Con buona volontà e coraggio
ve ne dovete uscire da intrighi loschi
e ridare alle vostre famiglie,
che soffrono, la tranquillità.
Una nuova alba,
ricca di gioia,
la dovete far nascere,
per vivere una vita saggia.
Non dovete andare a finire
in ospedale, in galera
oppure al camposanto.
Nonni, padri e mamme
non devono piangere.


Racconto inviato da: Antonio Palazzo