POESIE - PUGLIA
U còre mé
Francesco Palazzo - 1920/2000 - Maresciallo maggiore dei Carabinieri. Il Carabiniere poeta di Bisceglie
Dialetto: Puglia

U còre mé
Quènne ié fescià còme ne lèmbe
tìue palpetéve sènza damme
fastidie.
Mò ié fazze fatéghe
a fòie du passe
e tìue fìusce de cherrénne.
Me faie mangòie u fiòte
e me faie preoccupòie.
Cè à seccéisse?
-Emme fatte véicchie
tutte e dìue.
N'avvecename o traguarde
a dò n'èmma fermaie
pe sémbre.
- Còre mé, resiste!
Damme ne chenzigghie.
- Cé te pòzze déce:
" Repòuse,
nan t'arrabbiòie,
fatte na camenate de n'orétte
quènne ésse u saule
e préme chè s'arròcche a Penénde.
Mènge picche,
lasse stòie re fèmene,
ne sfòurze pòt'ésse fatòle,
vìvete angòre ne becchéire
de méire bòune
e, soprattutte
nan zi scénne dò méideche,
specialménde ce ià specialiste
preccià t'àppleche la tariffa ièlte,
péirde terrése,
e mòure préme...

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Il mio cuore
Quando correvo come un lampo
tu palpitavi senza darmi
fastidio.
Adesso faccio fatica
a fare due passi
e tu corri velocemente.
Mi fai mancare il fiato
e mi fai preoccupare.
Cos'è successo?
- Siamo diventati vecchi
tutti e due.
Ci avviciniamo al traguardo
dove ci dobbiamo fermare
per sempre.
- Cuore mio, resisti!
Dammi un consiglio.
- Cosa ti posso dire:
" Riposa,
non adirarti,
fatti una passeggiata di un'oretta
quando sorge il sole
e prima che si nasconda a Ponente.
Mangia poco,
lascia stare le donne,
uno sforzo può essere fatale,
beviti ancora un bicchiere
di vino buono
e, soprattutto
non andare dal medico,
specialmente se è specialista
perchè ti applica la tariffa alta,
perdi soldi,
e muori prima...

Racconto inviato da: Antonio Palazzo