POESIE - CALABRIA
La giustizzia

Dialetto: Calabria

La giustizzia
Cu vò mu stabbiliscia la raggiuni
ava 'mu senta tutti li campani,
si no fa dundi vaddi undi vadduni
e la giustizzia la jietta alli cani....
Unu ha m'è superiori alli quistiuoni, no' 'mu cundanna viatu li cristiani....
di lu giustu è nimica la passiuoni
e la supiérva non ndi jiungia mani.
La causa la fa lu testimuoni....!
Di riestu, pi' chi su' li tribunali?
C° l'omini su' cuomu li 'nimali.


Traduzione in italiano

La giustizia
Chi vuole stabilire la ragione
deve sentire tutte le campane,
se no fa dove pianura dove burrone
e la giustizia la getta in pasto ai cani.
Chi è preposto deve essere superiore alle beghe,
non condannare su due piedi i propri simili.
Del giusto è nemica la passionalità
e la superbia non unisce le mani (non crea accordi).
La causa la fa il testimone!
Del resto, perchè ci sono i tribunali?
Perchè gli uomini son come gli animali!

Racconto inviato da: "Mastro" Bruno Pelaggi