POESIE - PUGLIA
Dò frònde
Francesco Palazzo - 1920/2000 - Maresciallo maggiore dei Carabinieri. Il Carabiniere poeta di Bisceglie
Dialetto: Puglia

Dò frònde
Nan vaiche chìue u mare,
nan ténghe appéirse paréinde,
ma tenéinde, capitane e seldòte.
Nan zacce chìue amaie,
lendane vaiche òumene còme a mè,
neméce.
U desténe n'à pòuste còndre,
n'à prettòte o frònde,
n'guèrre, ad accìdene.
Fòrse nan retername chìue
o paése a dò n'aspéttene
mèmme, megghìéire e figghie.
Nescìune vòle mbré,
ma capé la rasciaune
de ci nan vòle stòie mbòce.
Séme tutte fròte,
è assurde sparasse.
Ié nan zò fatte offèse
a le neméce,
e chire nan ònne fatte
male a mè.
Preccià n'èmma scannaie
còme tènda assasséne
e pazze scatenate?

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Dal fronte
Non vedo più il mare,
non ho parenti accanto,
ma tenenti, capitani e soldati.
Non so più amare,
in lontananza vedo uomini come me,
nemici.
Il destino ci ha messi contro,
ci ha portato al fronte,
in guerra, ad ucciderci.
Forse non ritorniamo più
al paese dove ci aspettano
mamme, mogli e figli.
Nessuno vuole morire,
ma capire la ragione
di chi non vuole stare in pace.
Siamo tutti fratelli,
è assurdo spararsi.
Io non ho fatto offese
ai nemici,
e loro non hanno fatto
male a me.
Perchè ci dobbiamo scannare
come tanti assassini
e pazzi scatenati?


Racconto inviato da: Antonio Palazzo