POESIE - PUGLIA
Nan ze sendà sechìure
Francesco Palazzo - 1920/2000 - Maresciallo maggiore dei Carabinieri. Il Carabiniere poeta di Bisceglie
Dialetto: Puglia

Nan ze sendà sechìure
Avè pèrse u trène
de re dèce.
- Pe piacère, signòr còpe,
spiégheme bòune, a cè aure
parte cra maténe
u trène de re dèce?
-Ce véine subbete
parte a re dèce,
senèune u péirde arrète.
- Grazzie.
Camenènne camènenne
decià:
Ava iésse ovère?
O m'à pegghiòte pe fésse?
La saire se scè a còlche
e penzòve angòre,
nan ze sendà sechìure.

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Non si sentiva sicuro
Aveva perso il treno
delle dieci.
- Per piacere, signor capo,
mi spieghi bene, a che ora
parte domani mattina
il treno delle dieci?
- Se vieni presto
parte alle dieci,
altrimenti lo perdi di nuovo.
- Grazie.
Camminando camminando
diceva:
Sarà vero?
O mi ha preso in giro?
La sera andò a dormire
e ci pensava ancora:
non si sentiva sicuro.

Racconto inviato da: Antonio Palazzo