RACCONTI - CALABRIA
Peppi e Cìcciu
Due amici s’incontrano ed improvvisano un dialogo sentenzioso e un po’ piccante. Giuseppe domanda al paesano se desidera prendere qualcosa, ma poi lascia Francesco a bocca asciutta. L’autore, Domenico Caruso, si è ispirato alla realtà per trattare una conversazione tipica fra coetanei.
Dialetto: Calabria

Peppi e Cìcciu
P. - Saluti e salutamu…
C. - …e stringìmundi la manu!

P. - Comu stai, Cìcciu?
C. - Potìva stari mègghju, Peppi!

P. - Mangiulijàsti ccarcosa? Chi ti pìgghj?
C. - Hàju ‘na fami chi ‘n’òcchju no’ vidi all’atru, ma mi accuntentu ‘i ‘nu cafè!

P. - Vai o’ bar a nomu meu e chi to’ sordi pìgghja chi voi!
C. - Ma no’ vidi c’’a debulizza vàju cadendu? (E jètta ‘nu pìditu)

P. - Finu a quando ‘u culu ventìja…
C. - …’u mèdicu passìja!

P. - Morti nommu ‘nc’è…
C. …e guai c’’a pala!

P. - Si havi a moriri ‘u ciùcciu è mègghju Cìcciu…
C. - …ca ‘u ciùcciu porta ‘i ligna e Cìcciu no: ti piaciarrìa!?

P. - Non t’’a pigghjàri a mmalu, jeu scherzava!
C. - Scherzandu scherzandu ‘a niputi d’abbati nescìu prena!

P. - No’ nescìmu o’ lordu: ‘a vita è bella!
C. - Cu’ ‘ndavi màngia e cu’ no spachìja!

P. - ‘A sapivi l’ùrtima: ‘a mugghjèri ‘nci telefona o’ maritu ‘n Germania mu sapi comu staci:
«Jèu mali, Catina mia, cca sugnu sutta zeru!»
C. - Jìda rispundi: «E jèu bbona, Pauledu meu, cca sugnu sutta unu!»

P. - Pìgghiala ‘i docu! ‘Nci dissi ‘u voi a’ vacca: «’A vidi la to’ spacca?»
C. - Rispundìu ‘a vacca o’ voi: «’Nzonnari tu t’’a poi!»

P. - E’ sempri ‘a solita canzoni: ‘u porcu avìa tri pili…
C. - …e tri pili avìa ‘u porcu!

P. - Si staci facendo tardu e: cu’ staci a speranza d’atru e no’ cucina…
C. - …veni la sira e sona la diana!

P. - E’ ditta la me’ canzuni ‘nta lu tàju…
C. - …ti dugnu lu bongiornu e mi ‘ndi vàju!



Traduzione in italiano

Peppe e Cìccio
P. - Saluti e salutiamo…
C. - …e stringiamoci la mano!

P. - Come stai, Ciccio?
C. - Potevo star meglio, Peppe!

P. - Hai fatto uno spuntino? Che cosa ti prendi?
C. - Ho una fame che un occhio non vede l’altro, ma mi accontento di un caffè!

P. - Vai al bar a mio nome e con i tuoi soldi prendi ciò che vuoi!
C. - Ma non vedi che per la debolezza casco per terra? (Ed emette un peto)

P. - Fin quando il deretano scoreggia…
C. - …il medico passeggia!

P. - Morte non ci sia…
C. - … e guai con la pala!

P. - Se deve morire il ciuco è meglio Ciccio…
C. - …perché il ciuco porta la legna e Ciccio no: ti piacerebbe!?

P. - Non la prendere a male, scherzavo soltanto!
C. - Scherzando scherzando la nipote del prete è rimasta incinta!

P. - Non peschiamo nel torbido: la vita è bella!
C. - Chi ha, mangia e chi non ha, stringe la cinghia!

P. - La sapevi l’ultima: la moglie telefona al marito in Germania per conoscere il suo stato di
salute: «Io sto male, Catena mia, qui sto sotto zero!»
C. - Lei risponde: «Io sto bene, Paolino mio, qui sono sotto uno!»

P. - Pigliala come la vuoi! Ha detto il bue alla vacca: «La vedi la tua spacca?»
C. - Ha risposto la vacca al bue: «Sognarla tu la puoi!»

P. - E’ sempre la solita musica: il porco aveva tre peli…
C. - …e tre peli aveva il porco!

P. - Si sta facendo tardi e: chi sta alla speranza d’altri e non cucina…
C. - …giunge la sera e suona la diana!

P. - Nel fango è detta la canzone mia…
C. - …ti do il buongiorno e presto vado via!


Racconto inviato da: Domenico Caruso