POESIE - MOLISE
Sciurille gialle

Dialetto: Molise

Sciurille gialle
Sciurille gialle,ricce 'nfreddoloite
che l'uocchie spalazzate e 'mbambaloite
tra na pescolla troveda e na reusa
de neve iaccia,gne la orte,gghienga!
Tu sci ru proime 'mmiese a la vernata
a cumenza' la scerta de re sciure
che fienne la herlanda dell'anneata:
papembale,ruselle e sciusciachiure,
gigli e cucù,carofan'e vieule.
A majje,quande tutta la cambagna
penda e sgargianda 'mboppa e'mprufiuma;
la lupenella sgrizza sciure rusce
canda ru rosche,ride la mundagna;
pe l'uocchie sc-ta 'nnascuosc-te pe devielle,
na fesc-ta de cheliure e de sc-terlambe;
sciurille curaggiuse de febbreare
prenungie de sc-taggeune e de bellezza
lambe de spranza 'mmiese alla tresc-tezza.


Traduzione in italiano

Fiorellini gialli
Fiorellino giallo,riccio e infreddolito
con l'occhio spalancato e imbambolato
tra una pozzanghera torbida e una rosa
di neve ghiaccia,come la morte,bianca!
Tu sei il primo in mezzo all'inverno
a cominciare la serie dei fiori
che formano la ghirlanda dell'annata:
papaveri,rosette e campanule,
gigli e cucù,garofani e viole.
A maggio,quando tutta la campagna
dipinta e sfolgorante sboccia e profuma
la lupinella schizza fiori rossi
canta il ruscello,ride la montagna;
agli occhi di nessuno stai nascosto
una festa di colori e di sfolgorio;
di te proprio non si ricorda più nessuno
fiorellino coraggioso di febbraio
preannunzio di stagione e di bellezza
guizzo di speranza in mezzo alla tristezza.


Racconto inviato da: Michele Di Ciero