POESIE - TRENTINO ALTO ADIGE
ROVEREDO
La Casa di Soggiorno per Anziani di Rovereto è per forza di cose una fonte di memoria storica e di conservazione del dialetto. Una ospite di questa casa mi ha dato questo scritto, quasi una poesia, che denota l'amore per la sua città e contemporaneamente il campanilismo, non ancora del tutto sopito, con la città capoluogo: Trento. Un grazie ad Ettorina, delle signore non si dice l'età.
Dialetto: Trentino Alto Adige

ROVEREDO
O me cara Roveredo
O me bela zitadina
Ti de tute le zità te sei bem la pù carina!
Le tò strade , le tò piaze
Le tò case, la tò zent
Zerchè pur, ma de zerto no ghè gnent
Che ghe poda star a rent.

Te desmonti ala staziom
Par quasi de sognar
Dei giardini en colpo d’ocio
Tut en fior, tut en rosar
E po’ el corso lè ‘n poema
Coi palazi el grataciel
Le el pù bel, e po’ ghe pasa quela zent
Che no lè quela de Trent

Te arivi en de na piaza
En salot de roba fina
En palaz come la Cassa *
No tel vedi gnanca al cine.
En del mez ghè ‘na fontana
Coi zampili a zent a zent
El ne la invidia el mondo inter
I à zercà de copiarla anca su a Trent

La casa del Comune
Monumento de gran classe
Lè la casa del nos Sindaco
Che el ne carga su de tasse
Sul nos gonfalom
Ghè la ghianda col leom
E voi tuti savè bem
Che en bel leom fa de l’aquila en bocom

E gavem en bel Castel
Col Museo dela Guera
E gavem ‘na gran Campana
Che la sona tuti i dì
Ades che i la repezazada
Come fusa en por calzot
Se su a Trent volè sentirla ancor sonar
El so disco fe girar

E gavem do bei giardini
Che i è sempre bem curai
Gnente rose o gelsomini,
Ma i è sempre illuminai
En de uno ghè en lagheto
E i pesati ghè ben zò.
Ma noi ochi no gavem
Miga mes drent come i ha fat quei da Trent.

Dela nosa Roveredo
Frà le cose sue pù bele
No dovè desmentegar
Che la gà le so putele:
le è gentili, le è carine
e po’ ‘na roba le gà prinzipalment:
che no le è quele da Trent.


* Intesa come Cassa di Risparmio, ubicata in un bel palazzo in stile Veneziano.


Traduzione in italiano

ROVERETO
O mia cara Rovereto
O mia bella cittadina
Tu di tutte le città sei sicuramente la più carina!
Le tue strade , le tue piazze
Le tue case, la tua gente
Cercate pure, ma di certo non c’è niente
Che si possa paragonare.

Tu scendi alla stazione
Sembra quasi di sognare
Dei giardini un colpo d’occhio
Pieni di fiori, tutto un roseto
E poi il corso* è un poema
Con i palazzi e il grattacielo**
E’ il più bello, e poi ci passeggia la gente
Che non è di Trento

Tu arrivi in una piazza
un salotto, una cosa fine.
Un palazzo come la Cassa***
Non lo vedi nemmeno al cinema.
In mezzo c’è una fontana
Con zampilli a cento a cento
Il mondo intero ce la invidia
Hanno cercato di copiarcela anche quelli di Trento

La casa del Comune
Monumento di gran classe
E’ la casa del nostro Sindaco
Che ci riempie di tasse
Sul nostro gonfalone
C’è la ghianda con il leone ****
E voi tutti ben sapete
Che un bel leone fa dell’aquila***** un boccone

E abbiamo un bel Castello
Con il Museo della Guerra
E abbiamo una grande Campana******
Che suona tutti i giorni
Adesso che la hanno aggiustata
Come se fosse stata un calzino rotto
Se su a Trento volete sentirla ancora suonare
Il suo disco dovete ascoltare.

Ed abbiamo due giardini molto belli
Che sono sempre ben curati
Niente rose o gelsomini,
Ma sono sempre illuminati
In uno c’è un laghetto
Con i pesci dentro
Ma noi le oche non le abbiamo
Messe dentro
Come hanno fatto quelli di Trento

Della nostra Rovereto
Fra le cose sue più belle
Non dovete dimenticare
Che ci sono le ragazze
sono gentili, sono carine
e poi un pregio hanno principalmente
che non sono quelle di Trento.


* Intesa come Cassa di Risparmio, ubicata in un palazzo in stile Veneziano.

* Corso Rosmini, la via principale di Rovereto
** In realtà si tratta di un paio palazzi di circa una decina di piani.
*** Intesa come Cassa di Risparmio, ubicata in un bel palazzo decorato in stile Veneziano.
**** Rovereto prende il nome da Rovere, la quercia. Il leone è il segno della dominazione Veneziana.
***** L’aquila è il simbolo di Trento.
****** La campana è Maria Dolens, la più grande campana al mondo che suoni a distesa, fusa con il bronzo dei cannoni di varie nazioni. Adesso è la Campana della Pace.

Racconto inviato da: Emiliano