POESIE - MOLISE
Ze n'èma j

Dialetto: Molise

Ze n'èma j
Cara parende
ze n'èma j:
sème già allestate
na picca rrobba
che zèma pertà.
Jecche n'è cosa...
nd'abbusche crija
manche se t'accide jurne e notte
nghe na zappa mmiene.
Capammonde,ze sa,
ne manga la fatija...
Ma du cose m'archiegne,
du cose che me sonne spisse spisse:
la voce de na fonde paisana
e n'addore
de pane de casa...



Traduzione in italiano

Dobbiamo andarcene
Caro parente
dobbiamo andarcene
abbiamo preparata un po' di roba
da portar via...
Qui non è possibile...
non guadagni nulla
neanche se ti consumi giorno e notte
zappando...
Al Nord, si sa
il lavoro non manca...
Ma due cose rimpiango
due cose che sogno molto spesso:
la voce di una fontana paesana
e il profumo
del pane casereccio.

Racconto inviato da: Giulio Salvatore Carano