POESIE - SICILIA
Alla ronna mia
L'autore in occasione del venticinquesimo anniversario di matrimonio esprime ciò che ha nel cuore.
Dialetto: Sicilia

Alla ronna mia
Ronna ca ri venticincu anni, si la me cumpagna.
E ‘nzemi avemo affruntato alligrizzi e duluri, ri la vita.
Tu unica ronna, ri mia tantu amata.
Si l’unicu scopu disidiratu, ri la me vita.

Nun si stata pi mia sulu, la spusa adurata.
Tu pi mia si figlia, soru, matri, amante e amica.
Nun sacciu, unni truvari putissi, ronna chiù cara.
La matri re nosri figli, dono e alligrizia rila vita.

Novimilacentutrentarue jorna, comu nenti, sunu vulati.
Ri quannu cu la razia ri DIU, divintasti mia.
Assai jorni tristi, e picca i senza pinzeri.
Ma si stata la guida, u curaggio e la forza mia.

Cu la machina ro tempo, nareri vulissi turnare.
Pi circariti quannu jerutu, na la primavera ra ta vita.
Nu chù longu sinteru, ‘nsemi putiri caminari.
Dunariti la vita e lu cori, o gioia mia ‘nfinita.

Mancu nu jorno, senza ri tia voghiù ristare.
Picchi lontanu ri tia, non sacciu campari.
Quannu la niura signura, ci verrà a truvare.
Cu idda pi prima, pritennu ri irri.

Nu maravghiusu giardino, no cielu voghiu priparariti.
Cu animaleddi, frutti e ciuri prufumati.
Sra restu a vigilariti, prutergerti e spittariti.
Finu a quannu l’ESSERE DIU, mi pirmetterà ri riabbracciariti.

Ro dubbiuso e timidu amuri, vintisei anni oramai sunu passati.
E nun servunu paroli pi dirti, chiddu ca tu si pi mia.
Ravanti a DIU, e ai nosri fighi, voghiu dumannariti e prjariti.
Vui tu o ronna mia, cuntinuari pi chista srata, ‘nseme a mia?

Siracusa 02 Settembre 96


Traduzione in italiano

Alla mia donna
Donna che da venticinque anni, sei la mia compagna.
Ed insieme abbiamo affrontato gioie e dolori, della vita.
Tu unica donna, da me tanto amata.
Sei l’unica meta agognata, della mia vita.

Non sei stata per me solo, la sposa adorata.
Tu per me sei figlia, sorella, madre, amante e amica.
Non so, dove trovar potrei, donna più cara.
La madre dei nostri figli, dono e gioia della vita.

Novemilacentotrentadue giorni, come niente, son volati.
Da quando con la grazia di DIO, diventasti mia.
Molti giorni tristi, e pochi spensierati.
Ma sei stata la guida, il coraggio e la forza mia.

Con la macchina del tempo, indietro vorrei tornare.
Per cercarti quand’eri, nella primavera della vita.
Un più lungo sentiero, insieme poter camminare.
Donarti la vita e il cuor, o mia gioia infinita.

Nemmeno un giorno, senza te voglio restare.
Perché lontano da te, non so campare.
Quando la nera signora, ci verrà a trovare.
Con lei per primo, pretenderò d’andare.

Un meraviglioso giardino, in cielo voglio prepararti.
Con animaletti, frutti e fiori profumati.
Là resterò a vegliarti, proteggerti ed aspettarti.
Fino a quando l’ESSERE DIO, mi permetterà di riabbracciarti.

Dal dubbioso e timido amor, ventisei anni ormai son passati.
E non servono parole per dirti, ciò che tu sei per me.
Davanti a DIO, e ai nostri figli, voglio chiederti e pregarti.
Vuoi tu o donna mia, continuare per questa strada, insieme a me?

Siracusa 02 Settembre 96

Racconto inviato da: Adriano Boscarino