POESIE - LIGURIA
Marinn-a
Ricordo di un'amica - dialetto Riviera di Levante
Dialetto: Liguria

Marinn-a
O l’è arrivou che mi no l’aspetavo,
pei teiti d’in tramonto ch’eu sola,
contenta d’ese a o mondo e appotronâ:
lûxean e stelle… e l’ean da amiâ!
De nûvie o paja, quëlo gatto bardo,
poæ di ciu grossi ch’i son a Boccadaze
scibben che o l’aia façile l’abordo,
scibben che o se fieja fin de l’aze.
Forse anche lè, doppo coscì tanti anni,
o cercheja ancon quëla… che no gh’è ciù…
E bravi! A l’è scampà a tutti i nosci affanni!
Ma se a s’æ persa o cê, o mondo e o sô!
E o mæ “sta ben” l’è annou mi no so donde.
Pe forza: se anche a ciammo, lè…
no me responde.



Traduzione in italiano

Marina
È arrivato che io non l’aspettavo
pei tetti d’un tramonto ch’ero sola,
contenta d’esser viva e di oziare:
lucean le stelle… ed eran da guardare!
Di nubi pareva, quel bel gatto bardo,
padre dei più grossi che sono a Boccadasse
sebben che fosse facile d’approccio
sebben che si fidasse di chiunque.
Forse anch’egli, dopo tanti anni,
cercava ancor lei, che non c’è più…
Eh bravi! È scampata a tutti i nostri affanni!
Ma se s’è persa proprio tutto, in questi anni!
E il mio ”star bene” è volato da quaggiù…
per forza: anche se chiamo, lei…
non mi risponde più.


Racconto inviato da: Laila