POESIE - LAZIO
'A cerqua
Questa è una canzone dei Rosaflavia, gruppo etno-contemporaneo di Monteflavio, un paesino nella bassa sabina (RM)- www.rosaflavia.com
Dialetto: Lazio

'A cerqua
'Na sera m'è parsu de stà sopre a 'n monte
da latu a 'na cerqua che, tant'anni fa
portava l'ombra a 'n mantu d'erba
servatica e pura come 'a terra la da.
'U sole corre a buscasse arreto a 'na macchia
spiatu da tutti i coluri che fa
e mille fili de nuvole e ventu
me portanu tuttu 'u profume teo qua.
E allora te 'ncontro 'ppoggiata alla cerqua
co' 'n mani 'lla rosa che te voleo dà
che vesti solu de gialla ginestra
amata da chi non pò smette de amà
Me faccio 'n po' annanzi co' du passi lenti
'na mani te sfiora ma non trova pietà
remano solu de fronte a 'n urmu
che pare 'na cerqua de tant'anni fa.


Traduzione in italiano

La quercia
Una sera mi è sembrato di stare su un monte
di fianco ad una quercia che, tanti anni fa,
portava l'ombra ad un manto d'erba
selvatica e pura come la da la terra.
Il sole corre a nascondersi dietro ad un bosco
spiato da tutti i colori che fa
e mille fili di nuvole e vento
mi portano qui tutto il tuo profumo.
E allora ti incontro appoggiata alla quercia
con in mano quella rosa che volevo donarti
che vesti soltanto di gialla ginestra
amata da chi non può smettere di amare
Mi faccio avanti con due passi lenti
una mano ti sfiora, ma non trova pietà...
... rimango solo di fronte a un olmo
che mi ricorda una quercia di tanti anni fa.

Racconto inviato da: Rosaflavia