POESIE - MARCHE
A Varecchina
L’odore della candeggina sulle mani dell’autrice rievoca il ricordo delle mani della madre: mani impregnate dello stesso odore che carezzando consolavano. Alla stessa maniera l’autrice consola il proprio figlio.
Dialetto: Marche

A Varecchina
Ieri per caso mentre stao rlaanno
cu l’acqua calla e ‘n po’ de varecchina
nu u so comm’è successo, strizzao un pagno,
me sò’ sgrizzata l’occhi, e ‘na matina!

Siccome me bbrugiaa proprio tanto
u preso su ‘nzuché e me so’ sciuccata
eppò’ sverta sò’ corsa dendro u bagno
davant’a u specchio per damme ‘na guardata.

L’occhi me lagrimaa, ‘n ce vedeo,
e cu ‘na mà’ sò’ nnata su a sciuccalli,
comme me sò’ tuccata ‘n ce credeo
me sò’ rtruata addietro de tant’anni:

ciaveo sopre a faccia a mà’ de mamma
dura e rasposa cu lu stesso udore,
me ccarezzaa ntramezzo ‘na faccenna
per cunsulamme de quarche gran dolore.

Cu l’occhi chiusi e lagrime a dù’ a dù’
Nu u so quanto sò’ stata a ‘ccarezzamme,
avria vuluto nun fallo fenì’ più
quello mumento turnato a ricurdamme

quant’era dorce quella carezzetta
che passanno purtava via u dolore,
lascianno ‘na svampata de durcezza
che de la varecchina c’ea l’udore.

Me sò’ riavuta solo dopo un pezzo,
quanno u sentito a voce de mi’ fijo,
piagnea ccurato e tra un gran singhiozzo
chiamava: “Mamma, mamma” c’un bisbijo.

Sò’ corsa comm’u vento e l’u guardato
Nun s’era fatto male Grazziaddio,
s’era sentito solo e ‘bbandunato,
cò’ avrà penzato poru cocco mio!

L’u preso in braccio e l’u tienuto stretto,
j’u sciuccato su a faccia e a candelina,
siccome nun truao u fazzoletto,
cu a mà’ che ne sapea de varechina



Traduzione in italiano

La candeggina
Ieri per caso mentre stavo lavando
con l’acqua calda ed un po’ di candeggina
non so come è successo, forse strizzando un panno
m’è schizzata negli occhi un po’ di candeggina, accidenti!

Poiché gli occhi mi bruciavano tanto
ho preso qualche cosa e li ho asciugati
poi svelta sono andata in bagno
a guardarmi nello specchio.

Gli occhi mi lacrimavano, non ci vedevo,
e con una mano li ho asciugati,
toccandomi il viso quasi non ci credevo
sono tornata indietro di tanti anni (sono tornata bambina):

avevo sul viso la mano di mamma
dura e ruvida e con lo stesso odore,
mi accarezzava tra una faccenda e l’altra
forse per consolarmi di qualche gran dolore.

Con gli occhi chiusi, le lacrime a due a due,
non so quanto ho continuato ad accarezzarmi il viso,
avrei voluto che non farlo finire più
quel momento tornato a ricordarmi

quanto era dolce quella carezza
che passando portava via il dolore
lasciando un’ondata di dolcezza
che della candeggina aveva l’odore.

Sono tornata in me solo dopo molto tempo,
quando ho sentito la voce di mio figlio,
piangeva e tra un singhiozzo e l’altro
chiamava: “Mamma, mamma” con voce flebile.

Sono corsa da lui come il vento e l’ho osservato,
non s’era fatto male, ringraziando Dio,
si era sentito trascurato,
che cosa avrà pensato di me povero cocco!

L’ho preso in braccio e l’ho tenuto stretto a me,
gli ho asciugato gli occhi ed il moccoletto
però, poiché non trovavo il fazzoletto,
l’ho fatto con la mano che odorava di candeggina.


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi