RACCONTI - SICILIA
Lu Maccu

Dialetto: Sicilia

Lu Maccu
Lu maccu è fattu di favi vudduti e rivudduti, fin'a quannu si squaglianu tutti cumu na frasquatulidda. Lassa, ppi tutta 'na notti, 800 grammi di favi sicchi e scurciati nill'acqua cianurusa di finuocchiu sarbaggiu. Mitti 'ncapu e cuci a fuocu vasciu. Quannu li favi su miezzu cuotti, iunci 300 grammi di cicuriedda già cuciuta 'ntre tanticchia d'acqua, minti spezzii e sali quantu bastanu. Quannu li favi su cuotti, scacciatili ccu la brucetta e facitili squagliari tutti. Livali di 'ncapu lu luci, cunzali ccu uogliu d'ulivi ed è prontu.Lu maccu lu facivanu l'antichi e ancora è canusciutu in tutta la Sicilia.


Traduzione in italiano

Il Macco
Il macco è fatto di fave ribollite, che diventano una specie di polenta. Lascia per tutta la notte, 800 g di fave secche sgusciate in acqua insaporita con finocchietto selvatico. Metti sul fuoco e cuocile a fuoco lento. A metà cottura, aggiungi 300 g di indivia cotta precedentemente in pochissima acqua, pepe nero e sale a piacere. Quando le fave saranno ben cotte, schiacciale con la forchetta in modo da ridurle in purea. Toglile dal fuoco, condiscile con olio d'oliva e sono pronte. Il macco lo facevano gli antichi e ancora è conosciuto in tutta la Sicilia.

Racconto inviato da: Luigi Ferrari