POESIE - MARCHE
COMM'UN CRISTIA'
Una casa diroccata fa pensare ad una persona anziana abbandonata che non è più utile ad alcuno.
Dialetto: Marche

COMM'UN CRISTIA'
Ppoggio ‘na mà’ su ri mattó feriti
de ‘na casetta vecchia e smujicata
ce cure i sorci sopre ri piangiti,
urla re crepe sopre ra facciata.

E’ cieche re fenestre sganganate,
se ‘ngolfa u vento sperso pr’i landró,
fiotta ru tetto sotto re raggiate
se ‘ccuccia comm’a chiede cumpasció’.

Pure l’ellera penne ‘bbandunata,
sdingula senza forze, s’è llinita,
da quanno più nisciù’ l’ha ricurata
nun cià più ‘ttaccamento pe ra vita.

Tocco ‘sti resti ‘ncartapeguriti
e quarchiccó’ su e mà’ me fa gnuella
formizzega re ponte de ri diti
e me fa cure i gricciuli pr’a pella.

Comme l’onna che sbatte su nu scojo
e lassa l’eco dendro ‘na cunchija,
ntru ‘stu rudere freddo, triste e spojo
c’è gnumata ‘na voce che bisbija.

Nun se dà pace e gira ‘ccarezzanno,
dendro ‘stu vòto fonno de tristezza,
ricordi spersi e passa raccuntanno
fantasmi dell’antica giuinezza.

Scortanno cosa è stata e comme era
denanze te cumpare ‘na visió’
pr’un attimo ‘a rivedi bella e fiera
‘po’ un cioffio…e rtorna ‘ssa desolazzió’.

Te crepa u core a véde ‘ss’angunia,
tale e quale ma quella d’un cristià’,
ra vita goccia a goccia scure via
ntru l’abbandono, senza dignità.

Nun enne no l’insurti de ra vita
che ra consuma a cighe, a mujichelle,
l’indifferenza a fa sentì’ fenita
comm’un cristià’ che ‘n’è più bono invelle.


Traduzione in italiano

COME UNA PERSONA
Appoggio una mano sui mattoni feriti
di una casa vecchia e sbriciolata,
corrono i topi sopra i pavimenti,
gridano le crepe sulla facciata.

Sono cieche le finestre sconnesse,
s’addentra e perde l’orientamento il vento nelle vaste stanze,
geme il tetto sotto gli improvvisi scrosci di pioggia,
si raggomitola come a chiedere compassione.

Anche l’edera pende abbandonata,
dondola senza più forse, s’è avvilita,
da quando più alcuno s’è preso cura di lei
non ha più voglia di vivere.

Tocco questi resti incartapecoriti
e qualche cosa mi fa solletico sulle mani,
titilla le punte delle dita,
mi fa venire i brividi sulla pelle.

Come un’onda che sbatte su di uno scoglio
e lascia l’eco dentro una conchiglia,
dentro questo rudere freddo, triste e spoglio
c’è aggomitolata una voce che bisbiglia.

Non si dà pace e gira accarezzando,
in questo vuoto pieno di tristezza,
ricordi persi e passa raccontando
fantasmi della passata giovinezza.

Ascoltando ciò che essa è stata e come era
Davanti agli occhi compare una visione
Per un attimo la rivedi bella e fiera
Poi un soffio... e ritorna la desolazione.

Ti muore il cuore al vedere quella agonia,
tale e quale a quella di una persona,
la vita che goccia a goccia scorre via
nell’abbandono, senza dignità.

Non sono le vicissitudini della vita
che la consumano a poco a poco, a briciole,
l’indifferenza la fa sentire inutile
come una persona che non è più utile ad alcuno in alcun luogo.

Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi