POESIE - PUGLIA
NINNA NANNE (2
Una scena un po' cruenta per una ninna nanna; si rievoca la predazione di un agnello da parte di un lupo, l'angoscia della preda;una scena forse per sopire l'irrequitezza del bimbo. Segue l'invocazione a ché il sonno venga,si chiamano i Santi. Notevole il residuo dell'articolo determinativo "lu/li" che coesistono con le corrispondenti forme ridotte "u/i" ed il latinismo "tricæ" da "tricare":indugiare, il cui uso è oggi del tutto scomparso dalla parlata di Serracapriola.
Dialetto: Puglia

NINNA NANNE (2
Ninnæ nanne e ninnæ nannæ bbælle,
u lupe cíhæ mægnæte a pecuerælle,
e tu pecuerællæ mije còme fæciste,
quanne mímòcche æ u lupe te vediste!
E ninnæ nanne, ninnæ ninnæ sonne,
véne æ durmì stu figghje, morte de sonne;
e sonne, sonne chæ tricæ e nun véne,
véne æ durmì stu figghje, chæ líòræ véne,
líòræ bbònæ jæ líòre de li Sante,
falle durmì zitte æ tutte quande.



Traduzione in italiano

Nenia da Serracapriola (2) sec. XIX
Ninna nanna, ninna nanna bella,
il lupo síè mangiato la pecorella,
e tu pecorella mia come facesti
quando in bocca al lupo ti vedesti!
E ninna nanna, ninna nanna sonno,
vieni a far dormire questo figlio, morto di sonno;
e sonno, sonno che indugi e non giungi,
vieni ad addormentare questo figlio, che líora viene,
líora buona è líora dei Santi,
fa addormentare tutti silenziosamente.


Racconto inviato da: Vincenzo di Serracapriola (FG)