POESIE - ABRUZZO
Lu Prugresse
Questo sonetto per sottolineare, anche in vernacolo, di quanto questo Mondo che si sviluppa, che progredisce, lascia dietro di sé ancora la stragrande maggioranza dei suoi abitanti morire di fame. Una riflessione sull'utopia del progresso...
Dialetto: Abruzzo

Lu Prugresse
Lu Monne,sa cagnate,
la ggende ene faveze,
lu magnà sa'mmalate,
e angure vanne scaveze!

Li signure stanne satolle
e allore fanne la caretà
ma all'Afreche la fame volle
e ne'ze sa che sa da magnà.

Tutte 'gire 'nghe ddu machene...
e tutti quende a piagne,
mendre chi se more ene fratete...

a da fenè sta cuccagne...
Gesucreste a ggià siggellate,
ne 'mpasse lu peccate!


Traduzione in italiano

Il Progresso
Il Mondo, è cambiato,
le persone sono false,
il mangiare non è più genuino,
e ancora c'è chi va scalzo!

I signori sono sazi
e allora fanno la carità
ma in Africa la fame bolle
e non si sa cosa si deve mangiare.

Tutti hanno due macchine...
e tutti quanti piangono,
mentre chi muore è tuo fratello...

deve finire questa cuccagna..
Cristo ha parlato chiaro,
non passerà il peccato!

Racconto inviato da: Dino D'Alessandro