POESIE - MARCHE
Se ppiccia u sole
Un attimo prima che il sole sorga, mentre tutta la natura splendidamente semi addormentata sembra pronta per riprendere vita, un dubbio si accende nella mente dell’autrice: “Se il sole oggi non sorgesse. Se Dio decidesse di non…”. Non sarà così.
Dialetto: Marche

Se ppiccia u sole
Quant’è bello ru monno stamattina!
Brilla e traluce in mezzo all’aria fina!
E’ tutto custodito e pettenato,
pare da e mà’ de Dio giusto scappato.
Quarche sbaffo qua e là de nebbiarella,
che su pr’i greppi gioca a bubunella,
copre e scopre ru tennero d’re foje
che freme tutte comme canafoje.
Misteriose e segrete re vallate,
dall’ombre nnerte ancó’ tutte ammantate,
ntru’n girotonno fitto de muntagne
che se tiene per mà’ comme cumpagne,
cu i zinaletti blé, i cullarì’ bianghi,
già a prima spera ‘e sfiora giù pr’i fianghi,
griccioli d’oro sparniccianno ar vento
mentre un suspiro gonfia u firmamento,
se smorcia sbadijanno e stelle ‘ccese,
se ppiccia quarche luce lì u paese.
Ogni pianta, ogni fiore, filo d’erba,
ogni passero, ape, ogni lucerta,
ogni cecala, vespra, ogni furmiga
è pronta a rpijà’ u posta sua ntra vita.
E’ tutto pronto è tutto ppreparato
e tutto ‘spetta un segno d’ù creato.
Un dubbio te se ppiccia dendro u core,
te cure pe ra pella un gran tremmore…
ma da u cunfì’ laggiù dell’infenito
sbucia ‘mpruisamente comm’un dito,
è ru dito de Dio che dà a scentilla!
Tutto se smoe alló’, tutto se sbrilla,
se ppiccia u sole, l’ombre fugge via
e u core te se rrimpe d’armunia.



Traduzione in italiano

Si accende il sole
Quanto è bello il mondo stamattina!
Brilla e traspare nell’aria fresca!
E’ tutto curato e pettinato,
sembra appena uscito dalle mani di Dio.
Qualche sbaffo qua e là di nebbia leggera,
che sui greppi gioca a nascondino,
copre e scopre le foglie appena spuntate
che tremano tutte come le foglie delle canne.
Misteriose e nascoste le vallate,
dalle ombre fitte della notte ancora coperte,
contornate da in girotondo di montagne
che si tengono per mano come scolare,
con i grembiulini blu ed i collettini bianchi,
già la prima luce le sfiora lungo i fianchi,
brividi d’oro spargendo al vento
mentre un sospiro gonfia il cielo,
si spengono sbadigliando le stelle,
si accende qualche luce in paese.
Ogni pianta, ogni fiore, ogni filo d’erba,
ogni passero, ogni ape, ogni lucertola,
ogni cicala, ogni vespa, ogni formica
è pronta a riprendere il suo posto nella vita.
Tutto è pronto, tutto è preparato
e tutto aspetta un cenno dal cielo.
Un dubbio si accende nel cuore,
e per la pelle corre un brivido,
ma dal confine laggiù dell’infinito
sbuca improvvisamente il primo raggio di sole,
è il dito di Dio che dà la scintilla!
Tutto si muove allora, tutto ricomincia a girare,
si accende il sole, le ombre fuggono via
e il cuore si riempie di armonia.


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi