POESIE - PUGLIA
Dæ l'àneme æ i mòrte
Fino ai primi del '900, alla vigilia della Commemorazione dei Defunti alcune confraternite di Serracapriola (FG) ricordavano con un canto ai vivi le anime del Purgatorio: dopo il canto presso amini e conoscenti, le meritate libagioni. Questo è il testo, ripreso nel 1915 da A.De Luca in un suo libro di storia locale.
Dialetto: Puglia

Dæ l'àneme æ i mòrte
Æmice, nuje mægnæme e nuje vevime
e n'penzæme a giænde umæne,
lu vostre padre che v'hæ ngenetæte
æbbændunarlu che curagge ævite!
La vostræ madre æfflitte e scunzelæte,
pupille dell'ucchje,l'à avite scunusciute!
Fæcite bbéne æll'anemæ purgande,
che fanne m'Burgætorje gran læmænde.
Væ lasse dæ candæ' frònnæ d'ulive,
fæcite bbéne æì morte æ anche i vive.
Væ lasse dæ candæ' frònnæ gælande:
fæcite bbéne æì morte e æ chi sòne e cande.


Traduzione in italiano

Dare l'anima ai morti
Amici noi mangiamo, noi beviamo
e non consideriamo la condizione umana,
il vostro padre che vi ha generato,
abbandonarlo che coraggio avete!
la vostra madre afflitta e sconsolata,
pupilla dell'occhio, l'avete disconosciuta!
Fate bene alle anime purganti
che fanno in Purgatorio gran lamento.
Vi lascia di cantare una fronda d'ulivo,
siate magnanimi coi morti ma anche coi vivi.
Vi lascia di cantare una fronte galante,
siate magnanimi coi morti e con chi suona e canta


Racconto inviato da: Vincenzo Tartaglia