POESIE - PUGLIA
U Brìnnese Serræne
L'autore di questo pregevole testo è stato Francesco Giacci, un agricoltore della Serracapriola del primo '900. Il testo fu ripreso, fra sorpresa e ammirazione nel 1915 da A.De Luca in un suo libro di storia locale. Dall'analisi del testo appare l'evoluzione del parlare: vocaboli e forme verbali scomparse (quætrære=ragazzo/a oggi surclassato dalla forma "uægliòne"; un ottativo assolutamente desueto "pìssene" (possa essere) oggi "pò æsse"; una voce del passato prossimo di tenere, agglutinata all'articolo "l'haje tenute" (l'ho tenuto) oggi "hàé tenute" con la fusione fra l'articolo e l'ausiliario avere. Ancora forme articolari non ridotte "lu/la che evolveranno verso "u/a".
Dialetto: Puglia

U Brìnnese Serræne
Tenime tantæ dune du Segnòre,
e æmmæzzæ æ tutte, quéste jæ u chiù cære:
ce dæ la forze, c'ælleggerisce u còre,
e còme e isse, n'ge ne stanne pære;
ce fæ scurdæ' di guæje e di delure,
ce fæ scurdæ' de tandæ péne æmære,
e ce fæ recurdæ' di prime æmòre,
e ce fæ pæzzjæ' còme i quætrære.
Da vite jæ menute, vuje bén sæpite,
quéstu venucce tande prelebbæte
che ténghe strétte æmmæne n'dæ 'stu vrite.
L'haje tenute tande cunzervæte:
pìssene ch'é fatte sæpurite,
e mo dinde æ 'sta panze m'haje ælluggiæte.



Traduzione in italiano

Brindisi dialettale di Serracapriola/FG
Abbiamo tanti doni dal Signore,
fra tutti, questo è il più apprezzato:
ci dà forza, ci alleggerisce il cuore,
e come esso non ci sono pari.
Ci fa scordare dei guai e dei dolori,
ci fa scordare tante pene amare,
e ci fa ricordare dei primi amori,
e ci fa scherzare come ragazzini.
Dalla vite è giunto, voi ben sapete,
questo vinello tanto prelibato,
che stretto ho in mano in questo vetro,
possa essere divenuto saporito.
ed adesso in questa pancia, me lo sono sistemato.


Racconto inviato da: Vincenzo Tartaglia