POESIE - MARCHE
Un sogno a occhi uperti - Recanati
Il proprio paese visto come una bella signora d’altri tempi che usa per adornarsi, come fossero gioielli, le bellezze architettoniche e naturali del luogo. E’ un sogno ad occhi aperti. Ma chi sogna chi?
Dialetto: Marche

Un sogno a occhi uperti - Recanati
‘Na galla de luna s’u cielo sereno
se specchia ‘mbiziosa ntru ‘na pescolla.
A pioggia è passata e l’arcobaleno
va e vié’ e ce fa tana ntru l’aria ancó’ mmòlla.

Recanati bagnata rluppica e udora
d’un raggio de sole ch’è nnato a ‘ntanasse
ntru ‘llu viculetto e nu je sa ora
de dà posto ma l’ombre, nnà a ripusasse,

Recanati rlaata, rvestita pr’a festa
D’a seta di stucchi, di mattó’ rusati,
di garofuli a mazzi su ‘na fenesta,
d’antichi riccami de marmi crepati.

Me fa l’impresció’ de ‘n’antica signora
Che su e feste granni, pianì’, rtira fori,
d’re casse ch’ancó’ de spighetta je udora,
cun gran tennerezza l’antichi tesori.

Cun grazzia se mbrija de viculi e spiazzi,
‘gni porta, ‘gni archetto: ‘na pietra preziosa.
E trine, i merletti: i cancelli e i terrazzi
Ch’a fa a vò’ sfacciata, a vò’ misteriosa.

E mure: un corpetto cu e centine. E fronne
dell’arberi cchiusi in suspesi giardini:
e chione ch’ar vento fa bocculi e onne,
u Pincio che udora de versi divini.

Se un filo de vento, ‘na brezza ‘mpruisa
Je fa arzà’ e suttane, a scapeccia, a strapazza,
dall’arto d’a torre essa pare che diga:
“Vassallo! Se tratta cuscì ‘na ragazza?”

E’ gioine? E’ vecchia? Nu u so, nun m’u chiedo,
ma passo pr’i viculi cu l’impresció’,
ma sarrà ‘n’impresció’, de sentì’ venì’ l’eco
d’antiche parlate dedietro i purtó’.


E c’a coda dell’occhio pr’un attimo cojo,
in fonno i landró’ cu i curtili fiuriti,
‘na dama niscosta dedietro un ventajo,
strugià de suttane che sfiora i piangiti.

Ntre chiese, ntri chioschi d’antichi conventi,
su e ponte d’i piedi gna ‘nnà’ in suggezzió’,
perché po’ capità’ che sull’onna d’i venti
senti schiocchi de sandule, canti, urazzió’.

E quanno ch’è notte ‘sta bella signora
Se cava u guarnello, se slenta u cursè;
sott’a langueda luce che je manna giù a luna
se ndorme giù e sogna, ma u sogno qual è?



Traduzione in italiano

Un sogno a occhi aperti - Recanati
Un niente(una cosa leggera, inconsistente) di luna nel cielo sereno
si specchia vanitoso in una pozzanghera.
La pioggia è passata e l’arcobaleno
va e viene e (fa tana) gioca a nascondino nell’aria ancora piena di goccioline.

Recanati bagnata luccica e profuma
di un raggio di sole che è andato a nascondersi
in quel vicoletto ed è restio
a lasciare il suo posto alle ombre ed andare a riposarsi.

Recanati lavata, vestita per la festa,
con la seta degli stucchi, i mattoni rosa,
i garofani a mazzi su di una finestra,
antichi ricami di marmi pieni di crepe.

Mi fa l’impressione di una signora d’altri tempi,
che in occasioni di grandi feste piano tira fuori,
dalle cassepanche che ancora profumano di spighetta,
con grande tenerezza antichi tesori.

Con grazia si adorna di vicoli e piazzette,
ogni porta, ogni arco: una pietra preziosa.
I cancelli e i terrazzi sono trine e merletti
che la fanno sembrare ora sfacciata ora misteriosa.

Le mura:sono un corpetto ricamato con la centina. Le chiome
degli alberi chiusi in giardini sospesi (si fa cenno al fatto che molti giardini sono ad un livello più alto delle mura che circondano il paese)
sono chiome vere con riccioli ed onde
del Pincio (Colle dell’infinito di Leopardiana memoria) che profuma di versi immortali.

Se un filo di vento o una brezza improvvisa,
le alzano la sottana, la spettinano, la strapazzano,
dall’alto della torre la signora sembra che dica:
“Maleducato, si tratta così una donna?”

E’ giovane? E’ vecchia, non lo so, non me lo chiedo
Ma passo per i vicoli con l’impressione,
ma sarà poi solo una impressione, di sentir venire l’eco
da dietro i portoni chiusi, di modi di parlare desueti.

E con la coda dell’occhio per un attimo mi sembra di cogliere,
in fondo ai grandi atrii dai cortili fioriti (dei palazzi signorili),
una dama nascosta dietro un ventaglio,
ed il rumore delle gonne che sfiorano i pavimenti.

Nelle chiese, nei chiostri dei conventi antichi
Bisogna entrare in punta di piedi, in soggezione,
perché può accadere che il vento faccia ritornare dal passato,
rumore di sandali, canti e preghiere.

Quando è notte questa bella signora
Si toglie la gonna e si allenta il busto,
sotto la languida luce della luna
si addormenta e sogna, ma qual è il sogno?


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi