RACCONTI - ABRUZZO
La vöte de Sànde Martöne
Nella nostra tradizione San Martino è il protettore del vino e si narra una leggenda sulla sua vita per spiegare questa attribuzione. La figura del santo non ha niente a che fare con il Santo venerato dalla chiesa, ma è una figura che ricalca in modo impressionante quella di Bacco. Ecco il testo della leggenda in dialetto così come mi è stata tramandata. Nella mitologia classica dal corpo di Bacco ucciso spunta la vite e questo è anche il punto centrale della figura di San Martino nella leggenda.Un'analisi attenta del testo della tradizione ci dice molto sul sincretismo pagano-cristiano ancora largamente diffuso nella nostra tradizione, tenuto conto che la festa di questo santo l'undici novembre è associataa una particolarissima festa detta "Processione dei cornuti" che è un vero e proprio relitto del Baccanale e delle feste della fertilità.
Dialetto: Abruzzo

La vöte de Sànde Martöne
Dialetto di San Valentino - Pescara

Sànde Martöne jêve ùne che-se mbrejachêve sèmbre, nu mbrejacùne.
Na sâre, jêve tèmbe d'immèrne i avê fàtte nu pôche de nêve, facêve lu frâdd'assì i-Sànde Martöne avê stët'a-na candön'i-s'avê mbrejachëte. Che li jûrna quîlle la mûje jêve ròssa prêne. Mèndre hösse arejêv'alla chëse je vànne nu scròpel'all'àlme. Dêss'a-menda sà: "Mu arevàj'alla chës'i-me vàj'a-culechë 'ccàn'a-chela puwerèlle, accusciò tûtte mberëte de frâdde côma stînghe, mbrejëche... nen la vûje fë patò, pe-massâre m'addòrme sòtt'alla candöna nòstre."
I accusciò-fâce. Ndrò sòtt'alla candöna sàje i-s'accuwacciò a-na renzàcche scavëte dàndre lu mùre prûpj'arrêt'a-nu vascèlle rànne. La nòtte, pe lu frâdde, se murò!
Gnâ l'àlma sà'rrevò'nnînz'a Ddì, Ddì vedànne ca hösse pe nen fë nu mël'alla mûje, sci'avê mòrte, lu fâce sànde. Intànde la mûj'aspîtt'aspîtte ma de lu maröte nen-zapò cchjéu-nôwe.
Ma da che lu jòrne cölle abbejò a-succèdere nu fàtte meraculùse: che la vòtta rànne che-hâsse tenêv'alla candöne, cchjù-vöne ce caccêve i cchjéu-ce n'aretruwêve!
Che-hên'i-che nenn'êne, intànde la nutêzje se prupalò. Vânne lu prîjete i-la ggènde da lu pajâse a-vedà chelu miràcule. Lu prîjete vulànnese fë cunzapâvele,pecurò bbône lu wascèlle sòpr'i-sòtte, annînz'i-rrête... i-che truvò?
Vâdde lu còrpe de lu sànde dândre la renzàcche i-vâdde ca da la vòcca sà avê spundëte na vöte i sta vöte avê ndrëte dândre lu wascèlle. I-cöma dapéu n'ôme wardò dândre lu wascèlle n'ôme vâdde câ sta vöte avê mâsse l'éuwe i-l'éuwe devendêve vône da sùle. Allùre n'ôme dêsse: "Sùle nu sànde pô fë nu miràcule de cö!" I-ce n'ôme fâce na cchìsce. Ecche peccà Sànde Martöne hêne lu patrùne de lu wöne.



Traduzione in italiano

La vita di San Martino

San Martino era uno che si ubriacava sempre, un ubriacone.
Una sera, era d'inverno ed era caduta un po' di neve, faceva molto freddo e San Martino era stato in una cantina e si era ubriacato. In quei giorni la moglie era incinta e stava per partorire. Mentre egli tornava a casa, gli venne uno scrupolo nell'anima.Disse fra sé e sé: "Ora torno a casa e vado a coricarmi accanto a quella poveretta,così intirizzito dal freddo come sono, ubriacoŠ.non voglio farla soffrire, per questa sera dormo giù nella nostra cantina."
E così fece. Entrò giù nella sua cantina e si accovacciò in una nicchia scavata dentro il muro proprio dietro una grande botte. La notte, a causa del freddo, morì!
Quando la sua anima giunse davanti a Dio, Dio vedendo che lui era morto per non fare del male alla moglie, lo fece santo. Intanto la moglie aspettò invano ma del marito non seppe più notizie.
Ma da quel giorno cominciò ad accadere un fatto miracoloso: da quella grande botte che lei teneva in cantina, più vino cacciava e più ce ne ritrovava!
Cos'è e cosa non è intanto la notizia si propagò.Venne il prete e la gente dal paese per vedere quel miracolo. Il prete volendo accertarsi, osservò bene la botte sotto e sopra, davanti e dietroŠe che trovò?
Vidde il corpo del santo dentro la nicchia e vide che dalla sua bocca era spuntata una vite e questa vite era entrata dentro la botte. E come dopo guardarono dentro la botte,viddero che questa vite aveva messo l'uva e l'uva diventava vino da sola. Allora dissero: "Solo un santo può fare un miracolo come questo!" E vi costruirono una chiesa. Ecco perché San Martino è il patrono del vino.


Racconto inviato da: Silvio Pascetta