POESIE - SICILIA
Orarca c'è la Talia, fannu Talia
Canto popolare politico nato dal popolo siciliano per protestar contro il governo post-unitario che si è preso l'oro e l'argento e ha dato in cambio la carta-moneta
Dialetto: Sicilia

Orarca c'è la Talia, fannu Talia
Ora ca c'è la Talia, fannu Talia;
cu 'na canna a li manu è la Sicilia!
Lu beddu regnu ha jutu a gammi all'aria;
Palermu fa dijunu, ch'è viggilia.
St'epuca d'ora chi ni curri laria!
Lu celi ni manna tirribilia!
L'oru e l'argentu squagghiaru pill'aria;
di carta la visteru la Sicilia!


Traduzione in italiano

Ora che c'è l'Italia, ci derubano
Ora che c'è l'Italia, ci derubano;
con una canna in mano è la Sicilia!
Il bel regno è andato a gambe all'aria;
Palermo fa digiuno, chè è vigilia.
Che brutta che è quest'epoca attuale!
Il cielo ci manda malanni!
L'oro e l'argento si sono sciolti nell'aria;
di carta hanno rivestito la Sicilia!

Racconto inviato da: Popolo Siciliano