POESIE - MARCHE
U VEJÓ’ (de carnevale)
Il veglione del lunedì di carnevale si teneva al teatro. Era un avvenimento unico, speciale, nel panorama dei divertimenti degli anni 60/70 del paese. Lungamente atteso e preparato esso prevedeva abiti originali appositamente scelti e fatti confezionare dalla sartina di fiducia; “buone maniere” tramandate da madre in figlia; corteggiatori o imbarazzantemente timidi o rozzamente quanto inefficacemente audaci. Resta, comunque, nel ricordo come un momento magico:una moderna e collettiva “Cenerentola”.
Dialetto: Marche

U VEJÓ’ (de carnevale)

Se penzo mi ragazzi che c’è adè’
cun tutto quello che cià a disposizzió’,
ch’è tristi e ‘n se diverte più cu gnè’,
mbè! Me viè’ sempre penzato mu vejó’.

Adè’ se balla guaci tutto l’anno,
è duventata ‘na cosa esagerata,
ma quella vò’ sparagnavamo ‘n anno
per vive quella magica serata.

Adè’ nun ce se guarda mu vestito.
Ce tenevamo nujaltri, ‘n bello po’!
E p’i ragazzi era guaci un mito
Putesse mette a camicia c’u Sgiabó!

Per nò’ ragazze a tenuta era Abbijé:
u massimo d’u sogno pruvibito
era un vestito tutto de Lamè
curtarello un po’ più d’u consentito.

I mesi a sceje un mudellì’ de gusto,
che mettesse in risalto u personale,
scullato un po’ de più d’u punto giusto,
‘na fattura muderna e uriginale.

“Nun te ce manno cu ‘ssa scollatura,
e ‘ssa suttana cu è fatta, a sparagnà’?
Emo speso un cicì de spezzatura
E nun te copre gnè’: né qui né là”.

Faccenna delicata a scullatura.
E matri nun se cunvincea cu gnente.
Hai voja a fa l’ucchietto ma sartora
Per faje di’ che no, ‘n era indecente.

Dopo ‘ssa guera se penzaa ma e scarpe:
un sanduletto classico Scianè’.
Tinto e ritinto pure mille vorte,
ma era commodo e stava sempre bè’.


Capelli fatti, trucco un po’ fatale.
Cappotto, sempre quello. Pronti pe ‘nna .
Dendro l’occhi splennenti un luccicore.
U core sbattea a mille da schiuppà’!

Brameamo u teatro sfavillante:
‘na bumbuniera de velluto e oro,
ma un cumprimento, ‘n’ucchiata galante
ce facea a faccia roscia comme u fòco.

Mì matre de dicea: “Balla cun tutti,
nu i poi capalli i ragazzi, nu sta bè’.
Se dee ballà’ pure cun quelli brutti,
se nun t’ra senti ‘llu giro stai a sedé’.

Ricordete, piuttosto, ‘n’antra cosa:
‘na ragazza per bè’ che va a ballà’
Porta in petto, se fa per di’ ‘na rosa
che a casa intatta a dee da ripurtà’”.

Cu e parole de mamma dendro a mente,
io me scanzao se me strignea de più.
“E se te vole uffrì’ nu ‘ccettà’ gnente,
mango da chi conosci, da nisciù’”.

“Comme ballate bene, signurina,
sete proprio ‘ttempata, ‘c’è che di’.
Ve ce nnarrebbe ‘na rrangiatina?”
“No, ‘u magnato adè’ un ciucculatì’”.

Cenerentole, per magia gambiate
in tante principesse pe ‘na sera.
Ce sentivamo belle curteggiate,
i principi ‘lla vorta ancora c’era.

Scì, nobbili eremo tutti quanti
lì l’atrio d’u teatro tutti in fila,
e mà’ viola, nisciù’ purtava i guanti,
“Donne a metà, ommini diecimila”.



Traduzione in italiano

Il veglione (di carnevale)

Se penso ai ragazzi di oggi
Con tutto ciò che hanno a disposizione,
ma sono annoiati e non si divertono con niente,
mi torna alla mente il veglione.

Oggi si balla tutto l’anno,
e diventata una cosa esagerata,
ma a quei tempi risparmiavamo un anno
per vivere quella magica serata.

Oggi non si bada al vestito,
ci tenevamo molto noi!
E per i ragazzi era quasi un mito
mettersi la camicia con lo (jabot) sparato con i pizzi.

Per noi ragazze l’abito doveva essere elegante:
il massimo del sogno proibito
era un vestito di lamè
un po’ più corto del consentito.

Passavamo mesi a scegliere un modello di gusto,
che avesse messo in risalto la figura,
scollato un po’ di più del consentito,
una confezione moderna e originale.

“Non ti ci mando con quella scollatura,
e la gonna è fatta al risparmio?
Abbiamo speso tantissimo per la stoffa
E non ti copre niente: né qui (la scollatura) né là (la gonna).

Questione delicata quella della scollatura.
Non c’era modo di convincere le madri.
E non serviva a niente fare l’occhietto alla sarta
per farle dire che l’abito non era indecente.

Dopo questa specie di guerra si pensava alle scarpe:
un sandalo classico Chanel.
Tinto e ritinto (di solito con la porporina) anche mille volte,
ma era comodo e adatto ad ogni occasione.

Capelli a posto, trucco “fatale”.
Cappotto, quello di tutti i giorni (l’unico). Pronti per uscire!
Dentro gli occhi splendenti un luccichio,
il cuore batteva da esplodere.

Bramavamo il teatro sfavillante,
una bomboniera di velluto e oro,
ma un complimento un’occhiata galante
ci faceva arrossire.

Mia madre mi diceva: “Balla con tutti quelli che te lo chiedono,
non sta bene scegliere i ragazzi,
si deve ballare anche con quelli brutti,
se non te la senti quel giro resti seduta.

Ricorda, piuttosto, un’altra cosa:
una ragazza per bene che va a ballare
ha in petto, si fa per dire, una rosa
che deve riportare a casa intatta”.
Con le parole di mamma nella mente
io mi allontanavo se nel ballare mi stringevano un po’ di più.
“E se ti vogliono offri qual cosa al bar non accettare niente,
neanche da chi conosci, da nessuno”.

“Come ballate bene, signorina,
andate proprio a tempo, non c’è nulla da dire.
Gradireste una aranciata?”
“No, ho mangiato proprio ora un cioccolatino”.

Cenerentole, per magia cambiate
in tante principesse per una sera,
ci sentivamo belle e corteggiate,
i principi c’erano ancora a quei tempi.

Ci sentivamo privilegiati
nell’atrio del teatro, tutti in fila,
le mani viola per il freddo (anche per il lavoro), nessuno portava i guanti,
“Donne la metà, uomini diecimila”:
(qui si fa cenno sia al fatto che le donne pagavano la metà del biglietto d’ingresso, sia al numero delle ragazze rispetto a quello dei ragazzi).


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi