RACCONTI - ABRUZZO
La fuga in Eggitto
C’è una leggenda narrata dai nostri contadini incentrata sulla fuga della Sacra Famiglia in Egitto.Sono narrate varie vicissitudini di questo viaggio e ognuna di esse riguarda un animale o una pianta che aiutano e proteggono i fuggiaschi, o li danneggiano. Per ciascuna di esse viene data da parte della Madonna una benedizione e un’interdizione, oppure una maledizione. Ho riflettuto molto su questa leggenda perché essa in pratica stabilisce dei tabù rispetto a certi animali che, guarda caso, sono tutti animali utili alla campagna in quanto sono divoratori di insetti. Per quello che riguarda invece le piante, soprattutto le piante medicinali, nella parte finale della leggenda c’è un vero e proprio enunciato che manifesta una precisa concezione del rapporto tra l’uomo e la natura, semplice e nello stesso tempo grandiosa. Riflettiamo sull’ultima frase: «...jòj’a-màj’i-dumën’a-tà » che, tradotto, vuol dire: «...oggi a me e domani a te» . Il senso è: oggi raccogliendoti e mangiandoti tu sei utile a me, domani io morendo e tornando alla terra la renderò fertile col mio corpo e ti sarò di nutrimento. Il debito è saldato e il grande ciclo della natura è compiuto. Che splendida base filosofica per un manifesto ecologista..non trovate?
Dialetto: Abruzzo

La fuga in Eggitto
Dialetto di San Valentino - Pescara

Gnâ la Madònne,San Giusèpp’i-lu Bbambinèlle se ne scappêv’all’Eggîtte pe-fuggiò da Herôde, li suldëte je jêv’apprèss’apprèsse p’acchjappàreli. Nu jòrne la Madònne je ndrò nu spön’allu pête i nn’arescêv’a-camenë.S’assettò nu mumènde pe-levàresela, ma n’gi’arescêve. Allùre s’avvecenò na luscèrte i nghe-che la vuccûccia peccerîlle che-tê je lu levò.
La Madònne je dò la bbenedezzjùn’i-dêsse: «Scì bbenedâtte,mmaledâtte chi t’acciöde, che pòzza devendë ciòppe!»
Hècche peccà n’z’a da ccêdere la luscèrte!
N’àtra vôte ha n’ôme’vê’rrevìt’a-na cutêccia nzôte, addù n’ge stêve nînde p’agguattàrese. Li suldëte da lundëne li n’ôme vâdde i-li stêve p’acchjappë. Lu côre de la Madònne vattêve fûrte pe la pahéure, ma le rennelâlle de lu cêle che-se n’avê’ddunëte de lu perêcule se n’ôm’aredunò côm’i-na nûvele tra li suldët’i-la Madònne. Lu cêle s’avê fàtte scûre pe-quanda ce ne stêve, mejër’i-mejëre côm’i-nu vêle bbjàngh’i-nâr’annînz’alli suldëte che nen vedêve cchju-nînde. Accusciò la Madònn’i-lu Bbambìne aresciò a scappë i a’rrevë a-nu bbòsche i a’nnascunnàrese.
Dêsse la Madònne: «Scì bbenedâtte rennelâlla de lu cêle che m’hi levëte sta pâne da lu côre, mmaledâtte chi t’acciöde, che pòzza tenà la stâssa pâne dândr’allu côre sa!»
Hècche peccà n’z’a d’accêdere la rennelâlle.
Na nòtte la Madònne s’avê’gguattëte veciön’a-nu fòsse, lu Bbambinèlle pjagnêve pe lu frâdde i nn’arescêv’a-calmàrelu. Penzêv’a-mènda sà: «I-côma fàcce! Li suldëte nne stë lundìne, sicùre ca lu sènde!»
Allùre tûtte li rûsp’i-le rahanèlle de lu fòsse se mettò a-candë i a-fë remùre tûtti nzîmbre i nghe lu fracàsse che-facêve cuprêve la vùce de lu Bbambìne.Tànde remùre n’ôme facêve che lu chëpe de li suldëte che s’a n’ôme’vê fermìte pôche cchju-dellë,dêsse: «Che fracàsse, jâmesene d’aècche ca sennò me ce vê lu delùre de còcce.»
Dêsse la Madònne: «Sciâte bbenedâtte rûsp’i-rahanèlle,mmaledâtte chi v’acciöde. Véu nen-zâte tàndi bbîlle da huardë i perciò la ggènde nen ve pô vedà.Pe nen fë tròppe mël’allu mònne nen ve pòzze salvë sèmbre.Chi ve cciöd’allu tèmbe de la putatéure de la vêgne i ve cciöde nghe nu sarmènde de la putatéure,che nne je succêda nînde,ma a-chi ve cciöde fôre da stu tèmbe je pòzza fë mële la còcce pe-quarànda jûrne!»
Hècche peccà lu ròsp’i-la rahanèlle se pô ccêddere sùl’a chelu tèmb’i a-che lu môde.
Se döce c’a-cli tîmbe alla pjànde de la löwe je se ne caschêve le frònne d’immèrne. Ma la Madònne prûpje mèndre se ne scappêv’all’Eggîtte ca sce se ne sajò sùpr’a-nu pjandùne, p’annascunnàrese ammèzz’alle fràsche i nen-ze fë vedà da li suldëte. Però la löwe tê la frònna peccerîlle i-sce se vâd’ammèzze, allùre la pjànde che-fâce?
Siccôme che-tê la frònne nu pôche lucènd’a-pàrte sòtte, arevvutò tûtte le frònne, tûtte nzîmbre mbàcci’a-sùle di môde che a-chi wardêve je dêve fastêdj’all’ûcchje i accusciò li suldëte n’ge n’ôme pecurò tànde i nen la n’ôme vâdde.
I-la Madònne p’arengrazjàrela dêsse: «Bbenedâtte la löwe che-la frònna sà nen pòzza mì caschë.A-chi te scarpurêsce pe-desprîgge se pòzza strechë la strêppja sà da la fàcce de la tèrre.»
Immìce se döce c’a-cli tîmbe sùle la cèrche nen-perdêve la frònne d’immèrne, ma na vôte che la Madònne sci’avê’gguattët’ammèzz’alle frònne, la cèrche le muwêv’a hogni zòffje de vènde i facêve remùre i accusciò hâsse se n’avôtta ndrà scappë i-dêsse: «La frònna tà nen déure!»
Appêna vânne l’autûnne, la cèrche perdò le frònne!
S’annascunnò péur’ammèzz’a-nu càmbe de fëve na vôte, i-le fëve che-crâsce fùte fùte l’areparò bbône i-la madònne je dò la bbenedezzjùne. Mmìce mmaledêsse li lupìn’i-li fâce devendë amìre peccà passànneci’ammèzze le pjànde facêve nu fracàsse che-se sendêve da lundëne.
Gna stêve quësce p’arrevë’ll’Eggîtte, lu cêtele je s’ammalò. Nen-ge stêve pahìsci’attòrne pe-truwë medeciöne, s’assettò la Madònne nghe la crijatéura mbràcce i nen-zapêve côma fë.
All’impruwìse abbejò-sendò côm’ì-tûtte vucetèlle che-decêve tûtte nzîmbre: «Cûjeme,cûjeme!» Allapperlà nn’arescêv’a-capò che-jêve, ma dôpe, avvecenànne la còcce Œndèrre vâdde ca le vùce ne menêve da cèrte pjànde. Allùre le cujò ce fâce nu decòtte i-lu fâce bbâv’allu Bbambinèlle che-lu jòrn’apprèsse s’arwarò. Dêsse la Madònne: «Pjànde sànde de Ddì,mmaledâtte chi ve distrûje u v’areccòje sènza mutìve.Quànda vê lu tèmbe chi ve vô’rcòje pröme s’ha da ngiunucchjë Œndèrre i-v’ha da cerchë permâsse arecetànne nu razejùne,se nen fë’ccusciò nne je faciâte niscéun’affètte.» Cöste’ê-lu razejùne che-s’ha da dêcere: «Jèrva mà de DDì hò n’d’arcòje pe-desprîgge, t’arcòje peccà me sîrve,jòj’a-màj’ i-dumën’a-tà.»



Traduzione in italiano

La fuga in Egitto

Quando la Madonna, San Giuseppe e il Bambino scappavano in Egitto per sfuggire da Erode, i soldati li inseguivano per catturarli. Un giorno alla Madonna entrò una spina in un piede e non riusciva a caminare. Si sedette un momento per togliersela,ma non ci riusciva. Allora si avvicinò una lucertola e con quella boccuccia piccola che ha, gliela tolse.
La Madonna le diede la benedizione e disse: «Sii benedetta, maledetto chi tiuccide, possa diventare zoppo!»
Ecco perché non si deve uccidere la lucertola!
Un’altra volta erano arrivati su un terreno brullo e incolto dove non c’era niente per ripararsi. I soldati da lontano li viddero e stavano per prenderli. Il cuore della Madonna batteva forte per la paura, ma le rondini del cielo che si erano accorte del pericolo si adunarono come una nuvola tra i soldati e la Madonna. Il cielo era diventato scuro per quante ce n’erano, migliaia e migliaia come una nuvola bianca e nera tra i soldati e la Madonna,questi non viddero più niente e così la Madonna e il bambino riuscirono a fuggire , a giungere in un bosco e a nascondersi.
Disse la Madonna: «Sii benedetta rondine del cielo che mi hai tolto questa pena dal cuore, maledetto chi ti uccide che possa avere la stessa pena dentro il suo cuore!»
Ecco perché non bisogna uccidere la rondine.
Una notte la Madonna si era riparata vicino ad un fossato, il Bambino piangeva per il freddo e lei non riusciva a calmarlo. Pensava tra sé: «E come faccio! I soldati non sono lontani, lo sentiranno sicuramente».
Allora tutti i rospi e le raganelle del fossato si misero a gracidare e a far rumore tutti assieme e col fracasso che facevano coprivano la voce del Bambino.Tanto rumore facevano che il capo dei soldati che si erano fermati poco più in là, disse: «Che fracasso! Andiamocene di qui altrimenti mi verrà mal di testa.»
Disse la Madonna: «Siate benedetti rospi e raganelle, maledetto chi vi uccide.Voi non siete tanto belli da guardare e perciò la gente non ama vedervi. Per non fare troppo male al mondo non posso salvarvi sempre. Chi vi ucciderà al tempo della potatura della vigna e vi uccide con un sarmento della potatura, che non gli succeda niente, ma a chi vi uccide fuori da questo tempo che possa avere mal di testa per quaranta giorni!»
Ecco perché i rospi e le raganelle si possono uccidere solo in quel periodo e in quel modo.
Si dice che in quei tempi la pianta dell’ulivo perdeva le foglie d’inverno. Ma la Madonna, proprio mentre scappava in Eggitto, salì su un ulivo, per nascondersi in mezzo alle frasche e non farsi vedere dai soldati. Ma l’ulivo ha la foglia piccola che non nasconde (letteralmente: che ci si vede in mezzo..). Allora la pianta che fece?
Siccome ha la foglia un po' luccicante nella parte inferiore, girò tutte le foglie, tutte insieme verso il sole in modo tale che a chi guardava dava fastidio agli occhi e così i soldati non ci guardarono troppo e non la viddero.
E la Madonna per ringraziarla disse: «Benedetto l’ulivo che il suo fogliame non possa mai cadere. A chi ti sradica per disprezzo possa la sua stirpe svanire dalla faccia della terra.»
Invece si dice che in quei tempi solo la quercia non perdeva le foglie d’inverno, ma una volta che la Madonna si era agguattata in mezzo al fogliame, la quercia lo muoveva ad ogni alito di vento e faceva rumore così lei dovette scapparsene in fretta e disse: «Il tuo fogliame non durerà!»
Appena venne l’autunno la quercia perse le foglie!
Una volta si nascose anche in un campo di fave e le fave che crescono fitte fitte la ripararono bene e la Madonna le benedisse.Invece maledisse i lupini e li fece diventare amari perché passandoci in mezzo la pianta faceva un fracasso che si sentiva da lontano. (I baccelli dei lupini fanno rumore se scossi.)
Quando era quasi arrivata in Egitto, il bambino si ammalò. Non c’erano paesi attorno per trovare medicine,si sedette la Madonna con la creatura in braccio e non sapeva come fare.
All’improvviso cominciò a sentire come tante vocine che dicevano insieme: «Raccoglimi, raccoglimi» Là per là non riusciva a capire cosa fosse, ma poi, avvicinando la testa al suolo vidde che le voci provenivano da certe piante. Allora le raccolse, ci fece un decotto e lo fece bere al Bambinello che il giorno dopo guarì. Disse la Madonna: «Piante sante di Dio,maledetto chi vi distrugge o vi raccoglie senza motivo. Quando arriva il momento chi vi vuole raccogliere prima si deve inginocchiare per terra e vi deve chiedere permesso recitando una preghiera, se non farà così non fategli effetto (non fate effetto sulla malattia)»
Questa è l’orazione che bisogna dire: «Erba mia di Dio io non ti raccolgo in dispregio, ti raccolgo perché ho bisogno, oggi a me e domani a te.»


Racconto inviato da: Silvio Pascetta