POESIE - LAZIO
L'ape e l'omo

Dialetto: Lazio

L'ape e l'omo

’N ber giorno n’ape stufa d’esse raggirata
volle dettà a l’omo ’n patto:
-"Se vòj ancora er prezioso manufatto
basta cor veleno-disse arrabbiata!".

Ner sentì sta lamentela l’omo jà rispose:-"N’attimino!
Parli proprio te cò tutto quello ’n corpo
si te ’n cazzi triste chi te sta vicino
armeno io lo sparpajò e nun faccio torto!".

-"Lo dichi te amico bello...
e poi er becco mio è a punta de spillo
se pizzico io mòro -te ar più fai no strillo-
ma campi e quanno fiati...tàji peggio de ’n cortello!"



Traduzione in italiano

L'ape e l'uomo

Un bel giorno un'ape stanca d'esser raggirata volle dettare a l’uomo un patto:
-"Se vuoi ancora il prezioso manufatto
basta con il veleno-disse arrabbiata!".

Nel sentire questa lamentela l’uomo replico:-"Un attimo!
Parli proprio tu con tutto quello che hai dentro, se t'arrabbi triste chi ti s'avvicina, almeno io lo sparpaglio senza far male!".

-"Questo lo dici tu amico bello...
e poi il mio pungiglione ha la punta d'uno spillo
se pungo io muoio -tu al più fai uno strillo-
ma vivi e quando parli...tagli più della lama d'un coltello!"

Racconto inviato da: Luca Berlenghini