POESIE - MARCHE
Pr'i viculi (di Recanati)
Il vicolo: un mondo a parte, un luogo ideale dove la vita è ancora a misura d’uomo,la solidarietà naturale, la natura e l’architettura intatte, dove è possibile risentire gli odori semplici di un tempo. Il sale della vita.
Dialetto: Marche

Pr'i viculi (di Recanati)

Pare trine, antichi merletti
tessuti cun fili ‘ncantati
‘lla rete de ri viculetti
che mbrija qua e là ma Recanati.

Ce respiri l’udore d’a vita,
de ra storia, d’u tempo ch’è nnato,
s’un gradì’ ‘na coccia fiorita,
spaso ar sole un pagno rlaato.

Per tera tra e pietre scunnésse,
tra e pescolle de sole rlucente,
ra gramaccia tignosa ce rcresce
ma però mai duventa ‘nvadente.

Suspesi per l’aria urmai sazzia
c’è l’udori d’un monno sparito
che ru vento sparniccia cun grazzia
risvejanno un ricordo ‘ssupito.

Chiudi l’occhi e ‘nnasi un buccó’:
spighetta mmischiata a ginestra,
u piangito ne sa de sapó’,
de garofuli su ‘na finestra.

C’è ‘na cupa piccula e stretta,
‘na spettata poèsse che c’è,
lì de ortre c’è ‘na vecchietta,
spatrennostra e fa ru crucè.

C’è un cancello che ‘mbraccia un giardino,
su pr’i muri l’ellera canta,
canta piano più ‘n giù lì vecino
c’è un bardascio che nun se ndurmenta.

Canta piano lì u spiazzo ‘nfocato
‘na cannella che goccia e nun goccia,
tira u fiato un palló’ mbandunato
pe’ ‘na tregua ma ‘lla lluccareccia.

Poèsse c’è un ponte, ‘n archetto,
re scalette poèsse che c’è,
un belvedé’ che dà su’n pincetto
e ciai un monno tutto per te.

Guaci sempre c’è un murelletto
Che te pare che nun ne pò più
Ma sta su per duvere e rispetto
Te ce ppoggi passanno anche tu.

U scalì’, u morello e un banghetto,
che ‘na spera scalla de sguincio,
pe re gente de ru viculetto
è un giardino più mejo d’u Pincio.

E’ un salotto ‘ndó’ e gente se parla,
‘n fosse mai c’è besogno se juta,
‘ndó’ ra vita a ‘ssapori cun carma
e sai pure per cò’ l’i vissuta.



Traduzione in italiano

Per i vicoli (di Recanati)

Sembra una trina, un antico merletto
tessuto con fili magici
quella rete di vicoletti
che adorna qua e là Recanati.

Ci si respira l’odore della vita,
della storia, del tempo passato,
su di un gradino un vasetto fiorito,
steso al sole il bucato lavato.

Per terra, tra le pietre sconnesse,
nelle pozzanghere di sole brillante,
la gramigna caparbia ricresce,
ma mai prende il sopravvento.

Sospesi nell’aria che non potrebbe contenerne di più
ci sono i profumi di un mondo scomparso
che il vento sparpaglia con gentilezza
risvegliando un ricordo semi addormentato.

Chiudi gli occhi e annusi un po’:
lavanda mescolata a ginestra,
il pavimento odora di sapone,
di garofani sul davanzale di una finestra.

C’è una salitina, piccola e stretta,
una salita molto ripida può darsi ci sia,
lì intorno c’è una vecchietta
che prega (dice il Pater Noster) e lavora all’uncinetto.

C’è un cancello che abbraccia un giardino,
su per i muri l’edera canta,
canta piano, poco più giù, lì vicino,
c’è un bambino che non si addormenta.

Canta piano nel piazzale infuocato
una fontanella che goccia e non goccia,
riprende fiato un pallone abbandonato
i bambini che giocando gridano si sono presi una pausa.

Può darsi ci sia un ponte (una casa costruita sopra un arco) o un arco,
potrebbero esserci delle scalette.
Un belvedere che guarda su di uno spazio alberato,
e hai un mondo tutto per te.

Quasi sempre c’è un muretto,
che sembra non ce la faccia più a reggersi,
ma sta su per dovere e rispetto
ti ci appoggi passando anche tu.

Un gradino, un muretto ed uno sgabello
che un raggio di sole scalda di traverso,
per le persone che vivono nel vicolo
sono un giardino anche migliore del Pincio (colle dell’Infinito).

E’ un salotto dove le persone parlano,
sperando non ce ne sia bisogno si aiutano,
dove la vita viene assaporata con calma,
e si capisce per cosa viene vissuta.


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi