POESIE - SICILIA
Arvulu tagghiatu
Dedicata a mia madre nella notte in cui morì.
Dialetto: Sicilia

Arvulu tagghiatu

Matri
L'ultimu suli conza pagghiara a lu ventu, comu fantasimi l'arvuli
'nti lu jornu ca mori, chianciunu.
Matri
L'ultimu amuri chianci lu pirdutu tempu
Disii suspira me patri
'nti l'ultima spiranza di la sira.
Sentimi matri. m'arriccumannu
è l'ultima vota ca 'ccu ttia sugnu
comu n'arvulu tagghiatu, ora mi sentu
e lu ciatu di l'amuri m'è 'ppi cumpagnu.
lu ventu ca rami sicchi tuculia
la terra sbota pirchi...t'arricivi.
Matri
l'ultimu jornu passa comu nu cantu
ca nu risignolu ha datu
'nti lu tempu calurusu, jutu.
Matri
L'ultima nottil, junci comu nu chiantu
tra suspira di mia,me soru e me patri
comu pinzeri purtati da lu ventu.
Sentimi matri, m'arriccumannu
è l'ultima vota ca ccu ttia sugnu
comu n'arvulu tagghiatu, ora mi sentu
e lu ciatu di l'amuri m'è ppi cumpagnu.
Lu ventu ca rami sicchi tuculia
lu me cori culpisci,...pirchi
TI PERDU.


Traduzione in italiano

Albero tagliato

Madre
l'ultimo sole prepara pagliai al vento
come fantasmi gli alberi
nel giorno che muore, piangono.
Madre
l'ultimo amore piange il perduto tempo
desideri sospira mio padre
nell'ultima speranza della sera.
Sentimi Madre, mi raccomando
è l'ultima volta che sono con te
come un albero tagliato, ora mi sento
e il fiato dell'amore mi è per compagno.
Il vento che rami secchi scuote
la terra rimuove, perché ti riceve.
Madre
L'ultimo giorno trascorre come un canto
che un usignuolo ha dato
nel tempo caldo (felice) trascorso.
Madre
l'ultima notte, giunge come un lamento (pianto)tra sospiri miei, di mia sorella e mio padre
come pensieri portati dal vento.
Sentimi madre, mi raccomando
è l'ultima volta che sono con te
come un albero tagliato, ora mi sento
e il fiato dell'amore mi e per compagno
Il vento che rami secchi scuote
il mio cuore colpisce,...perché
TI PERDO.

Racconto inviato da: Paolo Campisi