POESIE - LAZIO
Li Cravattari

Dialetto: Lazio

Li Cravattari
Dialetto romanesco

Li mistieri so' più de 'na mijara.
Gniduno, pe' 'na scerta o ch'è costretto,
campa facenno er propio e cià er rispetto
de chi se suda 'sta vitaccia amara.
C'è chi fa er Muratore, er Farmacista
e chi è un Sartore e chi 'n Elettricista.
Co' questi qua, o che fosse artro mestiere,
se campa tutti in cammio der sudore.
Si fai er Notaro o fai l'Agrimensore,
er Ciabbattino oppuro er Carpentiere,
pòi annattene giranno tra la gente
senza de vergognatte mai de gnente.
Maccome se po fa' quer mestieraccio
che più schifoso ar monno no, nun c'è:
je impresti uno e poi aripiji tre,
suganno er sangue ad ogni poveraccio?
Maccome se fa a disse un ber mattino:
"Io da domani faccio lo strozzino."?
Dimmelo, tu, che dai li sordi a strozzo.
Ciai core de guardà tu' fijo in faccia?
Tu' moje ce lo sa che sei un bojaccia,
'na jena, 'no sciacallo, un bacarozzo?
Ma quanno tu te stai a rifà er cernecchio
e vedi er grugno tuo drento lo specchio,
te pare de vedecce 'n omo onesto?
La notte dormi e dimme, fai inzognacci?
L'incontri quelli ch'hai ridotto stracci?
Fai er cravattaro e tu te ciarzi presto,
pe' annà a sgozzà li polli 'gni matina,
siccome fa la Vorpe o la Faina.
Tu pòi fa questo senza avecce rogne,
puranco se in caserma sei segnato,
ché i schertri nun te metteno ingabbiato.
Le banche ve conoscheno, carogne!
Ve proteggheno, tanto puro loro
fanno l'istesso sudicio lavoro

er cernecchio = lo scrimo ai capelli
schertro = carabiniere



Traduzione in italiano

I Cravattari


I mestieri dell'uomo sono tanti
ed ognuno per scelta o che è costretto
vive facendo il proprio ed ha il rispetto
de chi suda la vita e tira avanti.
C'è chi fa il Muratore o il Farmacista,
chi fa il Sarto e chi l'Elettricista.
Con questi o qualsivoglia sia mestiere,
se vive con fatica e con sudore.
Se fai il Notaio o fai l'Agricoltore,
il Ciabattino oppure il Carpentiere,
a testa alta tu vai tra la gente
e senza vergognarti mai di niente.
Ma come si può far quel mestieraccio
che più schifoso al mondo non ce n'è:
impresti uno e poi riprendi tre,
rubando i soldi a qualche poveraccio?
Come se fa, a dirsi un bel mattino:
"Da oggi in poi io faccio lo strozzino."
Dimmelo tu che presti i soldi a strozzo.
Hai cuore di guardar tuo figlio in faccia?
Tua moglie ce lo sa che sei un boiaccia,
e sei sciacallo, iena e bacarozzo?
E quando al bagno ti rifai il cernecchio,
e vedi la facciaccia tua allo specchio,
ti sembra di vederci un uomo onesto?
La notte dormi o fai dei brutti sogni?
E se li incontri, dimme, ti vergogni?
Sei un cravattaro che si sveglia presto
e torci il collo ai polli ogni mattina,
come fanno la Volpe e la Faina.
Fai tutto questo senza avere guai
pur se in caserma sei già segnalato
mentre dovresti essere arrestato.
Le banche ve proteggono e lo sai:
guadagnano facendo pure loro
questo stesso sporchissimo lavoro


Racconto inviato da: Pasquino da Todi