POESIE - PUGLIA
A rellògge æmmæzze a chiazze
Un'assolata,canicolare giornata di agosto,una pausa di frescura in un portone d'un palazzo gentilizio, lo scorcio sull'orologio sul corso di Serracapriola (FG) - orologio demolito fra l'altro causa noto sisma in Molise - e complice una brezza, la percezione del tempo che fugge.
Dialetto: Puglia

A rellògge æmmæzze a chiazze

Jéve æssulægnæte
‘lla lùtemæ mætine d'Æguste.....
derembætte u Comune,
che frescùre,
ndu pertóne du vécchje Cælvælle:
te telecæve d’ærrète na feleppine leggére…
Dæ llæ putive chjæmendæ’
a rellogge,
stéve ællæ’
æmmæzze a chiazze....
Stanne récchje æddosele,
quæsce u sendive: jéve isse
u tæmbe tije,
che sciuvelanne, sciuvelanne,
ce ne jéve.



Traduzione in italiano

L’orologio in piazza

Era piena di sole
quell’ultima mattina d’agosto…….
di fronte la casa comunale
che frescura,
all’interno del portone del vecchio (palazzo)Calvelli:
ti solleticava da dietro una brezza leggera.
Da lì potevi osservare
l’orologio stava là
in piazza...
A tendere l’orecchio
quasi lo sentivi: era lui
il tuo tempo,
che (lento)scivolando, scivolando,
se ne andava.


Racconto inviato da: Vincenzo di Serracapriola (FG)