POESIE - MARCHE
UN CERCHIO C'U GESSO
Nel cortile dell’infanzia il sole d’agosto ha fatto morire il muschio e con esso il mondo fantastico della fanciullezza. Non c’è più la piccola stoviglia di terracotta che serviva a far bere le fate. E quell’unica stella che riusciva a far capolino tra gli alti muri? E la voce che si confondeva col verso del grillo? E’ rimasto, disegnato per terra, soltanto il cerchio fatto con un gessetto: serviva per giocare a “campana” (una variante del gioco “il mondo”).
Dialetto: Marche

UN CERCHIO C'U GESSO
Un giorno ‘ffucato d’ru mese d’agosto,
u sole cià mesto su ‘n’antra fascina
e lì u curtiletto, per solito fresco,
s’è seccata s’re pietre ra vellutina.

Lì u spigolo morto, ‘ndó’ l’ombra è de casa,
‘ndó’ u sole n’a vince, se ‘ntigna, se ‘ncaula,
‘ndó’ fa ‘na pescolla a biangheria stesa,
c’era un pezzetto de monno de faula.

Tre pietre verdine, ‘mmuffite, ‘ppuzzate,
un filo d’erbaccia ntra crepa d’u muro,
un cuccetto lassato per fa béve me fate
che ‘rria, è siguro, fralumescuro.

E’ un monno ‘ncantato d’inverno e d’estate,
cu l’ombre che mmanta e cunfonne gnicò’,
de notte ‘na stella, una sola, ce cape,
tra i muri d’re case ch’è arti ‘nberpò’.

‘Na voce che canta s’e note d’un grillo,
te ‘ffacci e te ‘ncanti a sentilla cantà’,
sarrà u rusignolo che manna ‘ssu trillo
o ra voce d’ra stella? Poesse, chiusà!

Per tera c’è rmaso un cerchio c’u gesso,
c’un par de sassetti giucavi a campana,
per tera, però, nun c’è rmaso che questo
e a voce che canta se smorcia luntana.



Traduzione in italiano

Un cerchio col gesso
Un giorno soffocante del mese di agosto,
il sole ha rincarato la dose (ha messo sul fuoco un’altra fascina),
e nel cortiletto di solito fresco
s’è seccato sulle pietre il muschio.

In un angolo (mai illuminato dal sole) dove le ombre sono di casa,
dove il sole non l’ha mai vinta, si incaponisce e si inquieta,
dove la biancheria stesa fa una pozzanghera,
c’era un pezzetto di mondo fantastico.

Tre pietre verdastre (per il muschio), ammuffite, puzzolenti,
un filo d’erba murale nella crepa sul muro,
una piccola stoviglia di terracotta (giocattolo tipico delle nostre parti prima dell’avvento della plastica) lasciata a bella posta per far bere le fate,
che arrivano sicuramente all’imbrunire.

E’ un mondo incantato d’inverno e d’estate,
con ombre che coprono e confondono tutto,
di notte una stella, una soltanto, si vede (trova spazio sufficiente per entrare),
tra i muri delle case che sono molto alti.

Una voce che canta sulle note di un grillo,
ti affacci dalla finestra e ti incanti a sentirla cantare,
sarà un usignolo che manda quel trillo
o la voce della stella? Può darsi, chi lo sa.

Per terra è rimasto un cerchio fatto con un gessetto,
con due o tre sassolini si giocava a “campana”,
per terra, però, non c’è altro
e la voce che canta si spegne lontana.


Racconto inviato da: Maria Teresa Bonifazi