RACCONTI - PIEMONTE
Lettra a me nonu Paulin
Testimonio per la prima volta nella mia vita,"ad alta voce" l'amore che mi ha legata ad una persona umile e santa.
Dialetto: Piemonte

Lettra a me nonu Paulin
Mi a java in nonu caliè c'am fasia ja scarpin da cita, am dava del pan ca' piava an paga du so travaj an temp ad guera, ca 'm catava i giurnalin da gradin-a e mij bitava da scundun drera la porta a la matin quand a partiva per el sò travaj.
L'é mort che mi a java dudes ani e ancoi
che a n'ho sessatetrei a pos propi nen chité 'd preghé per chiel anche se a sò buntà avrà purtalu drit an Paradis.
Arvedzi nonu Paulin ,tua Elda.


Traduzione in italiano

Lettera a mio nonno Paolo
Io avevo un nonno calzolaio che mi faceva la scarpette da piccola, che mi dava del pane che prendeva in paga del suo lavoro in tempo di guerra, che mi comperava i giornalini da grandicella e me li metteva di nascosto dietro la porta al mattino quando partiva per il suo lavoro. E'morto che io avevo dodici anni ed ora che ne ho sessantatrè, non posso smettere di pregare per lui, anche se la sua bontà lo avrà portato dritto in Pardiso.
Arrivederci nonno Paolino, la tua Elda.

Racconto inviato da: Elda