POESIE - LIGURIA
Cao mae amigo

Dialetto: Liguria

Cao mae amigo

Cao mæ amigo, mì te ciammo coscì
anche se dixian che t’ë solo un can.
Saiä pe quelli euggi che m’amïan
con quello sguardo ciù dôçe de’n cristian.

Saiä perché quando te sbraggio
ti tïi zù e oëgie, cegando un pö a testa,
e quando a-a seia mì ritorno a casa
ti me côri incontro a fäme festa.

Saiä perché quando te scigôan
co e oëgie drïte tì ti ammïi attento,
ma solo se son mì ti lòcci a côa;
ti sæ che quando rïo ti me paggi contento?

Quande cianzo e-e lägrime cian cianin
me càzzan in scöso comme fregogge
tì ti vëgni a accucciäte dä vixin
e ti me pösi o müro in scië zenogge;

pä quæxi che ti veuggi rimproveräme!
Te fasso una caressa, ti me lecchi a man,
ti paggi dïme: “Cattïa perché ti pensi
che no gh’é nisciùn che te veu ben, manco un can?”

Cao mæ amigo, cose posso däte?
Mì drento a-o cheu g’ho solo da tristezza!
Ma tì t’ë comme mì, no ti veu ninte:
a nûatri ne basta solo una caressa.


Traduzione in italiano

Mio caro amico

Mio caro amico, io ti chiamo così
anche se dicono che sei solo un cane.
Sarà per quegli occhi che mi guardano
con quello sguardo più dolce di un umano.

Sarà perché quando ti sgrido
abbassi le orecchie, piegando un po’ la testa,
e quando la sera io ritorno a casa
tu mi corri incontro a farmi festa.

Sarà perché quando ti fischiano
con le orecchie dritte tu guardi attento,
ma solo se son io muovi la coda;
lo sai che quando rido mi sembri contento?

Quando piango e le lacrime pian pianino
mi cadono in grembo come briciole,
tu vieni ad accucciarti vicino
e mi posi il muso sulle ginocchia;

sembra quasi che tu voglia rimproverarmi!
Ti faccio una carezza, mi lecchi la mano,
sembra che tu mi dica: ”Cattiva, perché pensi
che non c’è nessuno che ti vuol bene,nemmeno un cane?

Mio caro amico, cosa posso darti?
dentro il cuore ho solo tanta tristezza!
Ma tu sei come me, tu non vuoi niente:
a noi basta soltanto una carezza.


Racconto inviato da: Alba Toscanini